Spider-Man: Un nuovo universo, il film che commuoverebbe Stan Lee

spider-man un nuovo universo

Miles Morales in Spider-Man un nuovo universo

Spider-Man: Un nuovo universo è uno dei blockbuster più freschi che si siano visti negli ultimi anni. E la cosa più sorprendente è che alla base c’è un’anima totalmente classica. Non c’erano molti altri modi per ricominciare a narrare le vicende dell’Uomo Ragno (qui ufficialmente al quarto reboot in meno di un ventennio) se non ripartire dalla base, rivedere le fondamenta e riscrivere la storia adattandola alle nuove generazioni. E questa scelta ha ripagato più che mai. 
Se è vero che, come dice con forza il film, ognuno di noi può essere Spider-Man, quando si rialza da terra nonostante la forza dei pugni che ha preso, è anche vero che per fare un Peter Parker cinematografico, dopo le versioni riuscite di Tobey McGuire e Tom Holland, servono tanti altri arrampicamuri. 
Quando il multiverso collassa su se stesso a causa delle macchinazioni di Kingpin, persino più toccanti di quanto fosse richiesto alla storia, ogni supereroe con i poteri di ragno dovrà affrontare il fatto di non essere l’unico. Cosi anche Miles Morales, il giovane Spider-Man di questa dimensione, si trova non solo ad accettare l’esistenza di diversi “Uomini Ragno” ma dovrà imparare a gestire i suoi nuovi poteri al più presto. È in gioco la sorte del mondo!
spider-man un nuovo universo

Spider-Man Un Nuovo Universo (2018)

La mano dei produttori esecutivi Phil Lord e Chris Miller c’è, e si sente, in questo film che definire d’animazione sarebbe riduttivo. È puro sperimentalismo, visivo e narrativo, con la solidità di una classica storia di formazione. Per una volta il motto “da un grande potere derivano grandi responsabilità” viene espanso, scisso e declinato come nei fumetti.
Spider-Man non è una frase, ma un insieme di esperienze come il lutto, l’entusiasmo per i superpoteri, il difficile mantenimento dell’identità segreta. Il tutto in un contesto di formazione adolescenziale che alterna ogni angoscia con la gioia dell’avventura. I registi Bob Persichetti, Peter Ramsey e Rodney Rothman sanno bene che oltre ai costumi l’essenza dell’uomo ragno è quella di un essere umano, al di là dell’età o del sesso, che cresce combattendo i propri demoni. Ed è qui che lo spettatore trova il suo godimento. L’umorismo, presente in abbondanza, è equilibrato al punto giusto per non stemperare le vette drammatiche del racconto, che aprono a momenti di sincera umanità.
Essere eccessivamente stilizzato e innovativo, ma privo di cuore, era il rischio principale dell’operazione. Invece la fusione tra diversi stili estetici, che mischia la computer grafica all’animazione manuale, dal tratto dei fumetti (Sara Pichelli, Robbi Rodriguez, per dirne due) a quello dei cartoon tutto si mescola alla perfezione.
spider-man un nuovo universo trailer

Miles Morales in Spider-Man un nuovo universo

L’impressione è quella di una straordinaria varietà su una storia quanto mai canonica e lineare. Ogni scena è portata avanti da ragioni narrative ma anche da un’idea che la renda differente da tutte le altre: che sia un dialogo, una soluzione visiva, un colpo di scena, il film carica di idee i fotogrammi e, per questo, riesce a non stancare.
Nessun film di Spider-Man è così legato alla controparte cartacea come Un nuovo universo. Nessuno era mai riuscito a includere contemporaneamente le molte epoche e i molti vissuti dell’Amichevole Uomo Ragno di quartiere. Ed è forse per questo motivo che, ai margini del film, il saluto a un padre per questi personaggi come Stan Lee non può che commuovere profondamente e portarci a sperare che, prima di partire, egli abbia potuto vederlo. Ne sarebbe stato felice.

Potrebbero piacerti...

Shares