Piccole Donne (1994), un classico da riscoprire durante le feste di Natale

0
589
Piccole Donne
Le donne March al completo nella pellicola del 1994 di Piccole Donne
Piccole Donne
Le donne March al completo nella pellicola del 1994 di Piccole Donne
Non è Natale se nel nostro cuore, e nelle nostre tv, non fa ritorno Piccole Donne di Gillian Armstrong.
La pellicola del 1994 è una di quelle storie – o, per meglio dire, trasposizioni cinematografiche – che ci hanno accompagnato durante la nostra infanzia e crescita, proprio come sullo schermo vediamo crescere queste piccole fanciulle.
Il racconto di Louisa May Alcott, con i suoi insegnamenti che si nascondono dietro le parole, cattura da sempre gli animi delle persone e rimane attuale nel corso del tempo.
Chi non conosce le vicende delle sorelle March? Chi non si ritrova, anche solo in parte, in ognuna di loro, tra fatiche, idolori, ma soprattutto perseveranza, benevolenza e sorellanza?
Piccole Donne
Le sorelle al capezzale della piccola Amy, dopo che ha rischiato l’annegamento nel lago ghiacciato
Ambientato nel 1861 durante la guerra di secessione americana, la famiglia March, il cui capofamiglia è al fronte, deve tirare avanti come meglio può. La signora March (Susan Sarandon), una donna molto forte e buona, accudisce quindi da sola le quattro figlie: Meg (Trini Alvarado), Jo (Winona Ryder), Beth (Claire Danes) e Amy (Kirsten Dunst). Nonostante siano dotate di pochi mezzi, grazie agli insegnamenti dei genitori, le ragazze si prodigano per aiutare i più bisognosi diventando molto amiche del vicino di casa Laurie (Christian Bale), innamorato di Jo, con cui passano il loro tempo. Ognuna con il proprio carattere, fanno fronte come meglio possono alle avversità della vita, senza mai perdere la speranza. Tra le sorelle, Jo, dallo spirito ribelle e anticonformista per il tempo, sogna di fare la scrittrice, e sarà proprio il suo sogno a delineare, nella finzione e nella realtà tramite la scrittrice L. M. Alcott, la loro storia, dischiudendola al mondo.
Questa versione cinematografica del 1994 di Piccole Donne è quindi una di quelle pellicole da riscoprire e rispolverare dagli scaffali per ricordarsi quale sia il vero significato del Natale. Non si tratta dei doni o delle mangiate, che non guastano per rallegrare i nostri animi e le nostre pance, ma dell’amore che portiamo agli altri, della gentilezza, dell’amicizia e dell’apertura dell’animo. Piccole Donne ci riconduce all’infanzia e ci riscalda il cuore con quell’immagine di famiglia intorno al focolare che si vuole bene a prescindere dalla ricchezza materiale.
Piccole Donne
Le sorelle March in marcia per andare ad accudire i più bisognosi nel giorno di Natale
Recuperare questa pellicola può essere anche un’occasione per prepararsi alla nuova versione cinematografica, diretta da Greta Gerwig, in uscita il prossimo 9 gennaio. Seguiteci per scoprire come saranno, nel prossimo film, le avventure delle nostre eroine d’infanzia, e buon Natale a tutti!