Cooking With Bill: la televendita da non vedere vicino ai bambini

0
541
cooking with bill
Il nuovo corto degli Oats Studios Cooking with Bill
cooking with bill
Il nuovo corto degli Oats Studios Cooking with Bill
È disponibile online Cooking With Bill, il nuovo corto degli Oats Studios creati da Neill Blomkamp.
L’intenzione è quella di dare libertà creativa a registi emergenti per produrre dei cortometraggi dal contenuto “weird”. Questi prodotti, a costo (e quindi a rischio) contenuto, hanno l’ambizione di raccogliere e mettere in scena più idee possibili, all’interno di un contesto indipendente. È possibile quindi che, un giorno, potremmo vedere trasposti in un lungometraggio i corti più amati dal pubblico.
Un ritorno alle origini per il regista di District 9 il quale ha iniziato la sua carriera proprio grazie a un paio di fortunati cortometraggi.
Il primo di questi filmati è stato Rakka, diretto dallo stesso Blomkamp. In 20 minuti veniva mostrata la resistenza umana all’invasione di una spietata razza aliena rettiliana.
In Cooking With Bill gli Oats Studios approdano ad atmosfere più calde e familiari. Al centro del breve filmato vi è infatti… una televendita decisamente atipica.
Buona visione!

Una piccola riflessione: in soli 4 minuti il cortometraggio riesce a giocare con le aspettative. Sappiamo sin dall’inizio che lo show finirà male. Non appena viene mostrato il Damasu 950 chi guarda intuisce che qualche arto verrà amputato. Ma, abilmente, il regista postpone il momento. La struttura della tensione è intrisa di un disagio grottesco: i personaggi, sopra le righe, sono sufficientemente realistici da fare emergere la loro alienazione dal raziocinio.
In questi fotogrammi, forzatamente realistici come estetica c’è, paradossalmente, il culmine della distopia.
La televisione, con i suoi riti e i suoi dialoghi costruiti, rende “alieni” alla nostra stessa ragione. E, ancora una volta, il cortometraggio ha fatto centro. Nella risata finale, non può che esserci un terribile orrore.