OGNI TUO RESPIRO, la forza dell'(auto)ironia – Recensione

0
44
breathe
Ogni Tuo Respiro - Breathe è il primo film da regista di Andy Serkis
breathe
Ogni Tuo Respiro – Breathe è il primo film da regista di Andy Serkis
Tutti conosciamo Andy Serkis, anche se a qualcuno il nome non risulta tanto familiare.
Ma se ricordate Gollum ne Il Signore Degli Anelli, il King Kong che rapiva Naomi Watts nel 2005, il Cap. Haddock del Tintin di Steven Spielberg, o lo scimpanzé Cesare negli ultimi film de Il Pianeta Delle Scimmie, lo conoscete anche voi. Sono tutti personaggi che hanno qualcosa in comune…
L’uomo che nell’ultimo ventennio si è costruito la fama di “re della motion capture” per come ha dato spessore a quei personaggi computerizzati.
Ora anche lui ha deciso di passare dall’altro lato della telecamera e –dopo aver diretto la seconda unità de Lo Hobbit– darsi alla regia.
Il suo primo progetto, Ogni Tuo Respiro, è un piccolo, grande film. Una storia toccante e, perché no, divertente. A volte una risata può far ben altro che seppellire: la storia di Robin Cavendish lo dimostra.
ogni tuo respiro recensione
Ogni tuo Respiro di Andy Serkis

Il buio, la luce

Con un prologo azzeccatissimo per modi e tempi, Ogni Tuo Respiro racconta la storia di Robin Cavendish (un Andrew Garfield particolarmente ispirato), giovane inglese che negli anni ’50 entra nel commercio del tè in Africa. Dopo essersi trasferito in Kenya insieme alla moglie Diana (Claire Foy) in dolce attesa, Cavendish si ammala di poliomielite. In breve tempo è costretto a letto col respiratore, completamente paralizzato. Il suo primo istinto, di fronte a quella “non-vita” è di chiedere di staccare i macchinari che lo separano dalla morte.
In brevi passaggi, Serkis passa dalla bellezza idilliaca dei paesaggi africani all’orrore del letto d’ospedale. La parte più oscura del film è proprio questa, in cui si calca la mano sulla perdita di ogni volontà di sopravvivenza del protagonista.
Ben presto il tono del film cambia radicalmente introducendo un meccanismo molto funzionale e che non cala d’effetto nelle varie fasi del racconto. La struttura drammatica rimane, ma tutto viene affrontato con un tono da commedia, a volte con siparietti comici che rispecchiano la personalità di Cavendish.
Il protagonista impara infatti a fare buon viso a cattivo gioco e, grazie a una personalità solare e all’amore incondizionato dimostrato dalla moglie, affronta la malattia con tutta l’energia che ha, sconfiggendo i pronostici di una vita breve. Soprattutto facendo dell’autoironia, con cui prende in giro sé stesso e gli altri malati che incontra, un’arma vincente.
L’assenza della paura di morire gli permette d affrontare le sfide più disparate. Dalla fuga in sordina dall’ospedale con l’aiuto di un dottore particolarmente sensibile per andare a casa a morire, ai lunghi viaggi in compagnia della moglie, del figlio e di qualche amico per vedere il mondo, il protagonista non manca mai di meravigliarsi e sorridere nonostante quella condizione che inizialmente lo aveva distrutto nell’animo.
Il suo gruppo di amici particolarmente ingegnosi lo aiuterà continuamente non solo a tirare avanti, ma a sviluppare strumenti e tecnologie per rendere la vita di un malato di poliomielite più semplice e confortevole.
ogni tuo respiro recensione
Ogni tuo Respiro di Andy Serkis

Che cosa vedete?

Il rapporto con il figlio, la voglia di superare i limiti, l’energia con cui contagia gli amici.
Grazie a un ottimo cast di supporto, Ogni Tuo Respiro mostra l’orrore nel vedere come i disabili vengano trattati dalla società: nascosti, reclusi come prigionieri, per non turbare le persone “normali”.
Qui Cavendish, grazie all’aiuto di Clement Aitken (Stephen Mangan), un medico rivoluzionario, inizia la battaglia di una vita per i diritti dei “dimenticati”. Il film non perde un colpo nella parte più struggente e raggiunge l’apice nel confronto tra Cavendish e i luminari della medicina a un congresso tedesco.
Questi ancora non capiscono chi abbiano davanti, incapaci di pensare che un poliomielitico possa viaggiare e interagire con le altre persone, invece di starsene lontano dalla loro vista.
L’emozione non si esaurisce mentre vediamo Cavendish continuare negli anni a combattere la sua malattia, contro ogni previsione di sopravvivenza.
Con un comparto tecnico validissimo e una fotografia calda e vivida, Ogni Tuo Respiro ha il sapore di un film classico, con il pregio di non impantanarsi in cliché ormai fuori tempo massimo, ma offrendo un’occhiata dal gusto antico attraverso lenti moderne.
Saper essere leggeri nel raccontare una storia così drammatica mantenendosi sul filo tra i due generi non è semplice nemmeno per chi ha già una certa esperienza. E’ piacevole vedere come un film d’esordio possa essere così brillante e ben riuscito.
L’opera prima di Serkis (voluta e prodotta dal figlio di Cavendish) è molto curata dal punto di vista visivo, con interpreti perfettamente calati nel ruolo e una struttura scorrevole.
Ogni Tuo Respiro sa regalare picchi di sincero e toccante sentimento (mai gratuito), diverte e intrattiene facendo scendere una lacrima senza farla risultare forzata.

ARTICOLI CORRELATI

OGNI TUO RESPIRO – VIDEO RECENSIONE

ogni tuo respiro video recensione