I, TONYA, la recensione del film con Margot Robbie

0
179
i tonya
Margot Robbie è la pattinatrice Tonya Harding nel film I, Tonya
i tonya
RomaFF12: Margot Robbie è la pattinatrice Tonya Harding nel film I, Tonya
Data l’apparente surrealtà di alcuni eventi narrati, è apprezzabile e condivisibile la scelta del regista Craig Gillespie (L’Ultima Tempesta, Lars e una Ragazza Tutta Sua) di adottare fin dal principio l’impronta della commedia per I, Tonya, pellicola biografica sulla controversa vita della pattinatrice statunitense Tonya Harding.
Forte sostenitrice dell’idea di riabilitare la figura della Harding agli occhi dell’opinione pubblica, in seguito al discusso scandalo olimpico che la vide coinvolta nel 1994 (l’aggressione ai danni della collega Nancy Kerrigan), la pellicola cede la parola alla stessa protagonista e alle persone intorno a lei in una serie serrata di finte interviste che non smettono mai di intrecciarsi con il racconto, neppure durante le singole ricostruzioni. Margot Robbie, interprete di Tonya e vera punta di diamante del film, rompe spesso e volentieri la quarta parete per far valere in maniera ironica e sfacciata il suo personale punto di vista su quello degli altri protagonisti.
Con uno stile che dondola tra la black comedy all’inglese e la filmografia dei fratelli Coen, ma dalla veste che strizza l’occhio al Cinema di Wes Anderson, I, Tonya approfondisce ciò che, sul momento, mass media e pubblico sportivo si sentirono facilmente in diritto di ingurgitare e restituire sotto forma di giudizio prematuro. L’opera di Gillespie non nega un seppur minimo coinvolgimento dell’atleta in quanto accaduto ma, al tempo stesso, cerca di fornire uno scenario di fondo e un contesto biografico/familiare/caratteriale tali da indorarne la pillola e alleggerire le spalle della Harding del peso della premeditazione.
i, tonya
RomaFF12: I, Tonya – Photo © 2017 Fondazione Cinema per Roma
Come una sorta di viziata Pippi Calzelunghe del pattinaggio artistico, priva del portamento e del linguaggio aggraziato che contraddistingue le altre atlete, la donna si ritrae più di una volta dalla responsabilità di quanto accaduto nel corso della sua vita e, proprio per questo, risulta difficile convenire all’unanimità sulla sua totale purezza d’intenti. Eppure, è ugualmente impossibile restare indifferenti di fronte alla sfilza di personaggi grotteschi e assurdi che popolano la sua storia e che, in modo più o meno marcato, ne hanno influenzato l’esito finale. Dalla crescita sotto la ferrea e gelida elsa della madre LaVona Golden (resa in modo superbo dalla bravissima Allison Janney) fino alla burrascosa relazione con il marito Jeff Gilooly (Sebastian Stan), passando per l’ingombrante e alienato amico di lui (Paul Walter Hauser), ogni singolo tassello ha segnato, come per un infausto allineamento planetario, la fine di una carriera.
A questo punto, I, Tonya si presenta come una divertente e divertita occasione di riscatto personale, dalla quale Margot Robbie (e di conseguenza la Harding) ne esce trionfante come la vera star di un one-woman-show su grande schermo che, nel caso non bastasse a passare una mano di vernice su quanto successo, riesce comunque nell’intento di suggerirci un diverso punto di vista attraverso il più puro intrattenimento.