Avengers: Infinity War sarà il film più lungo dell’MCU. C’è da preoccuparsi?

0
93
Avengers infinity war
I supereroi di Avengers Infinity War
avengers infinity war
Avengers Infinity War
Si è molto parlato, negli ultimi giorni, della lunghezza di Avengers: Infinity War. L’opinione, condivisa da molti, era che il terzo capitolo della saga degli Avengers sarebbe stato il film più lungo dell’intero Marvel Cinematic Universe, data soprattutto la grande quantità di personaggi che vedremo sullo schermo.
E così è!
Secondo Fandango, il sito che permette l’acquisto in prevendita dei biglietti cinematografici, la durata totale del film sarà di 156 minuti.
Infinity War sarà quindi più lungo di 9 minuti rispetto a Captain America: Civil War, che aveva una durata di 147 minuti.
Il film più corto dei Marvel Studios, ad oggi, è L’incredibile Hulk, con una durata totale di 1 ora e 52 minuti. La cifra riportata da Fandango è comprensiva dei titoli di coda e quindi di eventuali scene aggiuntive.

Un commento sulla durata

Uno degli errori in cui molto spesso cadono i fan delle grandi saghe è quello di pensare che la maggiore durata di un film sia segno di una maggiore qualità.
Tutt’altro: molto spesso infatti le storie tendono a dilungarsi e a uscire dai binari. Si pensi a Spider-Man 3, che con le sue 2 ore e 36 minuti cercava di rimediare ai numerosi problemi di sceneggiatura. O anche Batman v Superman che non è riuscito a reggere i suoi 151 minuti, crollando sotto il peso di una prima parte molto ambiziosa.
È molto più semplice, per registi e sceneggiatori, raccontare un’avventura breve, curando al dettaglio lo svolgimento, che imbarcarsi in una narrazione lunga. Solitamente (nel cinema nulla è scienza, tutto è eccezione) le forme lunghe ripagano maggiormente lo spettatore. Quando sono ben congegnate riescono a regalare la sensazione di un lungo viaggio fianco a fianco con i personaggi, aumentando il carico emotivo. Ma, come diceva il maestro Alfred Hitchcock: “Un film deve durare in maniera proporzionale alla resistenza della vescica umana”. Chiaramente è una battuta, non un dato di fatto. Eppure è vero che, maggiori sono le ambizioni, maggiore è il rischio di fallire.
Qualcuno dirà che non poteva essere altrimenti data la portata degli eventi che verranno mostrati sullo schermo. È vero, ma bisogna considerare che, data la natura episodica del Marvel Cinematic Unverse, i fratelli Russo, registi del film, hanno avuto il privilegio di arrivare sul set con un parco di personaggi già ben caratterizzati. Per intenderci: non c’è bisogno di presentare Iron Man o Captain America al pubblico in sala.
Questo significa che la lunghezza in termini di minutaggio non deriva tanto dal bisogno di sviluppare i caratteri dei protagonisti bensì dal bisogno di chiudere le tante trame aperte in 10 anni di film. E, come insegna il Damon Lindelof di Lost, non è affatto scontato che si riesca a soddisfare le aspettative degli appassionati.
Avengers infinity war
I supereroi di Avengers Infinity War
Bisogna quindi preoccuparsi?
Sì, o meglio, no.
No, perché i Marvel Studios negli ultimi anni sembrano non sbagliare un colpo, con film molto diversi tra di loro che portano in dote un’idea ben precisa e sviluppata.
No, perché c’è stato tutto il tempo per pianificare bene l’evento, ed è assurdo pensare che Kevin Feige abbia dato il via alle riprese senza una sceneggiatura per lo meno solida.
Però, e c’è sempre un però: e se i 156 minuti significassero un disperato tentativo di mettere troppa carne al fuoco? E se, dopo due ore e mezza al cinema, uscissimo comunque con la sensazione di avere visto troppo poco del nostro supereroe preferito a causa del sovraffollamento di personaggi? E se la lunghezza record portasse fuori dall’apprezzabile sintesi dei Marvel films, come Ant-ManDoctor Strange, in funzione di un “solito” blockbuster, che mira a riempire le sale, perdendo di vista la storia che vuole raccontare?
Forse, a volte, è meglio abbassare le ambizioni e concentrarsi su pochi, ma fondamentali, elementi.
Queste, ovviamente, sono solo speculazioni e preoccupazioni di un appassionato. C’è da preoccuparsi, o si può stare tranquilli confidando nei Fratelli Russo? A voi la risposta.