Addio a Virna Lisi, la diva italiana che fece innamorare Frank Sinatra

0
1079

virna lisi

Il cinema italiano piange Virna Lisi, che oggi all’età di 78 anni si è spenta nella sua abitazione a Roma.
L’attrice nata ad Ancona l’8 novembre 1936 è stata senza dubbio uno dei volti più amati e apprezzati dal grande pubblico, tanto da essere riuscita ad entrare con merito nell’olimpo delle dive più brillanti del nostro cinema. Bionda dal fascino suadente e dalla raffinata eleganza, il suo sguardo angelico dipinto dall’azzurro cristallino dei suoi occhi, ha superato i confini oltreoceano, arrivando a conquistare persino il magico mondo di Hollywood che rimase impressionato dalla sua bellezza e fu attratto dall’idea di lanciarla come nuova erede di Marilyn Monroe.
Ma il suo splendore andava ben oltre lo stereotipo della donna compiacente, della bellezza remissiva e arrendevole. Il carisma ed il carattere tenace hanno fatto di lei una diva d’altri tempi che ha saputo rinunciare al suo lavoro per la famiglia e la lontananza dal suo paese, nonostante la Paramount l’avesse ingaggiata per 7 anni offrendole un prestigioso contratto in esclusiva e la promessa di realizzare insieme numerose pellicole. Il suo successo americano durò soltanto 3 anni e 4 film, vantando collaborazioni con attori del calibro di Jack Lemmon, George C. Scott, Tony Curtis e Frank Sinatra, il quale si innamorò di lei ma non fu mai corrisposto per via del matrimonio che la legava a Franco Pesci. Un amore durato oltre mezzo secolo, lungo 53 anni trascorsi fermamente con il marito fino alla sua scomparsa avvenuta nel settembre 2013.
Come non ricordare il celebre slogan pubblicitario “Con quella bocca può dire ciò che vuole” da lei recitato durante il mitico Carosello, e le sue interpretazioni nelle commedie a fianco dei maestri Totò, Peppino e Alberto Sordi.
La settima arte l’ha condotta all’apice del successo, portandola a conquistare numerosi riconoscimenti tra cui 6 Nastri d’argento con i film Al di là del bene e del male, Sapore di Mare, Buon Natale…buon anno, La Regina Margot, Va’ dove ti porta il cuore, Il più bel giorno della mia vita, per i quali detiene il record di premi vinti nella manifestazione (insieme a Margherita Buy), un Prix d’interprétation féminine al Festival di Cannes con La Regina Margot, 2 David di Donatello per la miglior interpretazione nelle pellicole La Cicala e Sapore di mare, 2 David di Donatello alla carriera.
Nonostante il trascorrere del tempo non ha mai avuto paura di mostrare in pubblico i segni dell’età che avanza, dichiarando con fierezza: «E’ arrivata l’età delle rughe? Pazienza. Le rughe rappresentano il passato di ognuno di noi, e fanno parte della vita».
A noi di Cineavatar piace ricordarla così:

virna-lisi-theredlist