Intervista al regista Leonardo Barone

0
111
Leonardo Barone
Il regista Leonardo Barone

Abbiamo avuto il piacere di intervistare Leonardo Barone, regista di La Maschera Nera e del nuovo progetto Black Hole. Ecco cosa ci ha raccontato!

Buongiorno Leonardo. Parlando subito di cinema, quali sono i cult che hanno segnato la tua infanzia e adolescenza?
Buongiorno Massimo. Sono moltissimi i cult che mi hanno colpito durante quel periodo, i miei generi preferiti sono sempre stati, sin da ragazzino, i film di azione, così come gli horror, i thriller, e in generale tutti i film di genere sci-fi. Tra quest’ultimi ricordo con affetto diverse pellicole di John Carpenter, “Essi Vivono”, “La Cosa”, “1997 : Fuga da New York”, molti lavori di James Cameron, “Terminator” , “Terminator 2”, “Aliens”, “The Abyss”, anche Ridley Scott, con capolavori come “Alien”, “Blade Runner” e “Black Rain”, è sicuramente un regista che mi ha segnato molto. Infine non posso non citare la fantastica trilogia di “Guerre Stellari”. Da bambino invece fui fortemente influenzato dai film di arti marziali di Bruce Lee, dalle commedie di Bud Spencer e Terence Hill, ma anche da pellicole come “Rocky”. Infine ho amato tutto il filone di film action che ha invaso il cinema dagli inizi degli anni 80 fino alla fine dei 90, tra questi i miei preferiti sono sicuramente la saga di “Arma letale”, “Die Hard” ed il film “Speed”. Mi fermo qui altrimenti scrivo un poema…
Dal 2015 in poi hai cominciato non solo a vedere cinema, ma a realizzarlo, con dei video su Facebook e Youtube. Ci racconti di questi tuoi primi esperimenti?
Grazie alla diffusione di internet ho potuto dare sfogo alla mia passione e a far si che gli altri la apprezzassero. Chi mi segue dall’inizio lo sa bene, ho iniziato nel 2015 usando uno smartphone appoggiato su un paio di sedie l’una sopra l’altra per far si che mi riprendesse in mezza figura. Lo smartphone mi riprendeva mentre entravo nella mia palestra, poi nel montaggio facevo in modo che sembrasse che davanti a me ci fosse un famoso maestro di arti marziali, entrato nella mia palestra per sfidarmi. Erano i miei primi esperimenti, dei brevi video adatti a Facebook, semplici ma divertenti. Mi hanno permesso di crescere, un buon training prima di passare a qualcosa di più impegnativo.
In passato hai frequentato dei corsi di cinema e teatro. Quanto sono serviti a livello pratico e artistico?
Frequento da un paio di anni il laboratorio teatrale “Prendi l’arte e mettila ovunque” a Piombino. Il laboratorio mi è tornato molto utile per migliorare come attore. Oltretutto è già la seconda volta che coinvolgo in un mio progetto alcuni membri. Si, nel 2017 ho frequentato un breve corso di regia a San Vincenzo, era un corso base, ma alcuni concetti sono serviti a rendermi molto più chiaro come si crea un film.

Nel 2018 giri il tuo primo lungometraggio, “La Maschera Nera”, che vince subito un premio al Tuscany Web Fest. Ci puoi parlare della genesi e realizzazione di questo progetto?
Prendendo ispirazione da una delle mie saghe di fantascienza preferite, “Ritorno al futuro”, e dai numerosi cinecomic che vanno molto di moda adesso, nel 2017 iniziai a scrivere la sceneggiatura di “La Maschera Nera”. Mi ci è voluto un anno di lavoro, non è stato facile realizzare un film di 90 minuti tutto da solo. Comunque, nonostante l’impronta amatoriale, è riuscito ad aggiudicarsi un premio alla seconda edizione del Tuscany Web Fest. Un giorno mi piacerebbe farne un remake realizzato in modo professionale.
Parlando di cinema horror, quali sono i tuoi film preferiti, sia italiani sia stranieri?
Sono cresciuto con la saga di “Venerdì 13” e film horror come “La Macchina Nera”, “Christine, la macchina infernale”. Uno dei miei preferiti è sicuramente “Dovevi essere morta” (1986, Wes Craven), ma il migliore di tutti secondo me resta “Shining” del maestro Stanley Kubrick. Tra le produzioni italiane invece, sicuramente “Suspiria” e “Phenomena”.
Cosa ne pensi della scena attuale del cinema indie horror italiano?
Seguo con molto interesse il cinema indipendente, anche se vi sono meno mezzi e soldi per girare un film, ma molte più idee rispetto al cinema tradizionale dove oggi si tende a fare sempre più remake e sequel su sequel.

Attualmente stai lavorando ad un fanta-horror, “Black Hole”. Nel cast c’è anche lo scrittore toscano Giorgio Borroni. Ci puoi parlare di questo tuo progetto?
Ho iniziato a lavorare al progetto circa sei mesi fa, e ho finito di completarlo proprio in questi giorni. “Black Hole” è un horror ambientato nello spazio che miscela diversi generi. Mi sono ispirato a pellicole come “Il Buco Nero” (1979), e a “Punto di non ritorno” (1997), ma ha anche degli elementi trash del cinema di Bruno Mattei. Ma Black Hole è anche un po’ un “trap movie”, dove i protagonisti sono intrappolati in un piccolo spazio. Tra i trap movie più famosi è doveroso citare pellicole come “Buried”, “In linea con l’assassino”, “The Cube”, “Panic Room” ed infine tutta la saga di “Saw, l’enigmista”Sicuramente è la cosa più difficile che abbia mai provato a realizzare, un cortometraggio di 30 minuti girato tutto con il green screen. Sono veramente contento di aver conosciuto Giorgio Borroni ed averlo nel cast, si è immedesimato nel personaggio in modo perfetto ed ha fatto una grande performance. A dire il vero tutti i membri del cast sono stati veramente bravi.
So che stai lavorando ad un progetto con lo scrittore Roberto Ricci. Ci puoi anticipare qualcosa?
Il cortometraggio si chiamerà “E’ solo un gioco”. Lo scorso anno Roberto mi fece leggere la sceneggiatura di questo horror ed io la trovai subito molto interessante, sapendo che a me piace molto giocare con gli effetti speciali. Roberto scrisse una sceneggiatura adatta a sfruttare quello che so fare meglio, è una persona che sono veramente contento di aver conosciuto. Sono orgoglioso di poter collaborare con lui. Nel cast ci sarà ancora una volta lo scrittore Giorgio Borroni.
Hai voglia di fare un saluto ai tuoi fan e ai lettori di CineAvatar
Non sapevo di avere dei fan (ahahahah). Ad ogni modo ti ringrazio per questa breve intervista, un saluto a tutti i lettori di Cineavatar ed a tutti i miei followers.