L’Urlo a Visioni Fantastiche e Trieste Science+Fiction Festival

Prosegue senza sosta e con successo il percorso di partecipazione a festival e manifestazioni del cortometraggio L’Urlo scritto e diretto da Francesco Barilli, con attore protagonista Luca Magri, e prodotto da Avila Entertainment Srl con il contributo di Emilia-Romagna Film Commission e MiBACT.
Dopo l’anteprima nazionale di Parma e la presentazione alla sesta edizione di Mangiacinema l’Urlo sbarca a Ravenna e a Trieste.
Sabato 26 ottobre alle 17.30 Visioni Fantastiche (Ravenna) propone la proiezione del corto nell’ambito della neonata sezione Showcase Emilia-Romagna, una selezione unica di cortometraggi realizzati con il sostegno della Film Commission regionale prodotti in gran parte sul territorio o da registi emiliano-romagnoli.
Sabato 2 novembre alle 14.00 L’Urlo parteciperà nella sezione Spazio Corto al Trieste Science+Fiction Festival, il più importante evento italiano dedicato alla fantascienza, la prima manifestazione dedicata al cinema di genere in Italia e tra le prime in Europa.

LA RECENSIONE DEL FILM
E LE INTERVISTE AL REGISTA E AL PROTAGONISTA

L’Urlo è il remake dell’omonimo film del 1966 diretto da Carlo Bazzoni, prodotto e fotografato da Vittorio Storaro, interpretato da Francesco Barilli e ambientato in un futuro distopico orwelliano. A distanza di cinquant’anni, Francesco Barilli, attore protagonista dell’originale, si sposta alla regia e il suo ruolo è oggi interpretato dall’attore e regista Luca Magri (Il Solitario, La casa nel vento dei morti, Il Vincente). Le riprese si sono svolte, come nel ‘66, nei territori di Parma e provincia, ma utilizzando quella parte architettonica della città più futuristica e allo stesso tempo meno conosciuta.
Trama di L’Urlo
In un futuro distopico, in cui sono inibite e vietate le emozioni di ogni genere, Paolo Caren legge libri di poesia, sente musica e si innamora. La polizia di Stato, per la salvaguardia del popolo si mette sulle sue tracce. Caren viene spiato, seguito e arrestato.
Il progetto e la sua storia
Nel 1965, tre giovani cineasti, Bazzoni, Storaro e Barilli, reduci dal set di Prima della rivoluzione del 1964 di Bernardo Bertolucci (Barilli era il protagonista, Storaro e Bazzoni vi avevano lavorato come operatori di ripresa), scrissero un soggetto di fantascienza e, con un budget irrisorio, girarono un piccolo film tra Parma, Roma e Salsomaggiore Terme, senza immaginare che sarebbe stato destinato a divenire un film di culto.
Nel 1966 L’Urlo debuttò al festival di Cannes godendo di un riguardevole successo, lanciando la carriera di Bazzoni, di Barilli e facendo scoprire al pubblico la straordinaria capacità visiva di Storaro, diventato uno tra i più grandi esponenti della cinematografia mondiale. Nel 1967, Storaro, al suo primo lavoro importante come direttore della fotografia, ricevette un attestato speciale per la migliore fotografia in bianco e nero dal sindacato nazionale giornalisti cinematografici ai Nastri d’Argento. Mezzo secolo dopo, uno degli autori dell’opera originale e straordinario protagonista del corto, Francesco Barilli, ha un’idea che intende fortemente realizzare: rifare il corto aggiornandolo ai nostri tempi e alla nostra tecnologia, nella sfida di riuscire a trasformarlo in qualcosa di fortemente attuale sia artisticamente sia a livello produttivo. L’incontro con la società di produzione cinematografica parmense Avila Entertainment srl fa sì che il progetto prenda forma e si realizzi.
Fonte: ufficio stampa

Potrebbero piacerti...

Shares