L’INGANNO, la recensione del film di Sofia Coppola

0
197
l'inganno trailer
Le protagoniste del film L'Inganno, diretto da Sofia Coppola
l'inganno recensione trailer
Le protagoniste del film L’Inganno (2017), diretto da Sofia Coppola
E pensare che i film, c’è anche chi li vede e basta. Andare in sala e osservare le immagini in movimento è dai più considerata l’azione principale di chi vuole gustarsi una pellicola cinematografica. È opinione comune che sedersi su una poltrona, regolare il respiro e distendere i muscoli della schiena, inforcare gli occhiali o, se si ha la fortuna di avere una buona vista, aprire gli occhi, sia la condizione necessaria e sufficiente per vivere un’avventura in fotogrammi. È questo l’inganno che ci raccontiamo, il peccato originale che oscura ogni giudizio critico. Perché i film non vanno visti, vanno vissuti.
Il secondo “Inganno“, di cui parliamo oggi, è quello di Sofia Coppola. Il remake de La notte brava del soldato Jonathan, diretto da Don Siegel nel 1971, nonché trasposizione del romanzo A Painted Devil scritto nel 1966 da Thomas P. Cullinan, è un’opera divisiva e personale. Durante la guerra di secessione americana, una giovane trova un soldato ferito. Mossa da compassione la ragazza soccorre l’uomo e lo porta nel collegio femminile dove, in attesa della fine della guerra, vive assieme ad altre donne. La presenza del soldato diventerà un elemento sconvolgente della routine quotidiana. Il corpo maschile, da tempo assente nella casa, sarà l’innesco di un gioco di seduzione onnivoro, destinato a crescere fino a divenire un’ossessione.
L’Inganno si presenta come un film carnale, fatto di passioni totalizzanti. Sofia Coppola adatta il materiale originale alla sua sensibilità, si impossessa del film manipolandolo secondo le proprie ossessioni. Il tempo, raffigurato nelle epoche storiche, diventa trascurabile (il film potrebbe essere ambientato in qualsiasi luogo e anno). Le donne sono il centro emotivo, osservate nei minimi movimenti, ma anche il transfer sentimentale del pensiero della regista. Nelle parole delle protagoniste, nei loro atteggiamenti, è facile intravedere un’identificazione da parte di Sofia Coppola.
l'inganno trailer sofia coppola
L’Inganno (2017), di Sofia Coppola
Eppure L’Inganno è un film perfetto da vedere, ma impossibile da sentire. La gradevolezza formale della fotografia, dei costumi, delle scenografie, la precisione del montaggio, costruiscono un macchinario perfetto ma privo di cuore. La seduzione, con le sue regole e l’inquietudine che dovrebbe portare, non funziona mai veramente. I gesti sono troppo stereotipati. Le emozioni troppo affettate. Non era richiesto e non per forza avrebbe significato un salto di qualità, ma la sensibilità femminile della Coppola viene subordinata ad un canonico sguardo maschile. È banale il modo in cui viene raccontato l’amore, risibile per come non venga mai veramente giustificato da una comprensione empatica, non solo razionale. Le scelte registiche non riescono a fare un salto importante: passare dalla perfezione formale, razionale, all’immedesimazione emotiva.
Si arriva quindi alla fine de L’Inganno avendolo visto, ma mai sentito. L’opera è impossibile da criticare, dato il suo procedere elegante e consapevole, ma è al contempo difficile da amare a causa della sua controllata e banale perfezione.
Il cinema arriva sotto la carne quando osa, quando è permeato da una voglia di comunicare che sembra gridare da ogni inquadratura. L’inganno resta invece un’ottima operazione, senza troppo da dire e quindi senza una vera ragion d’essere.

Rating_Cineavatar_2-5