IT FOLLOWS, la recensione dell’horror di David Robert Mitchell

it follows poster

Il poster italiano di It Follows

Una maledizione che si trasmette come una malattia venerea, attraverso rapporti sessuali, è la base fondamentale del meccanismo orrorifico di It Follows, il secondo lungometraggio dello statunitense David Robert Mitchell.
Dopo avere passato una notte di passione con la sua nuova fiamma Hugh, Jay (Maika Monroe) viene addormentata con del narcotizzante. Al suo risveglio si trova legata ad una sedia, una donna nuda le si avvicina sempre di più mentre Hugh, prima di liberarla, le spiega di averle passato una sorta di anatema. Se non la diffonderà ad altre persone (tramite il sesso), i demoni che si avvicinano lentamente a lei, nello stesso modo della donna che la sta braccando, la prenderanno e non le daranno scampo.
It Follows è una avventura ossessiva e persecutoria, una lunga e perentoria fuga dai propri fantasmi personali che turbano il presente, creando un’ombra letale che sconvolge la psiche. Non una metafora dell’HIV, come si premura di ribadire il filmmaker, ma una visione inquietante e concreta del passato che ritorna a tormentare costantemente la realtà contemporanea. Con una colonna sonora che richiama le atmosfere dell’elettronica anni ’80, It Follows omaggia in qualche modo il cinema degli anni ’80-’90, sebbene la sceneggiatura non sia a prova di bomba. Mitchell utilizza le lacune per acuire il senso di mistero che ruota attorno alla vicenda, ma è soprattutto nella costruzione della tensione che It Follows si distingue dagli horror più convenzionali: ogni inquadratura è densa di significato narrativo, a partire dallo splendido inizio, con un movimento circolare che sembra celare il maligno e che si fa specchio dei continui ritorni del film, fino ad arrivare all’epilogo (che ovviamente non sveliamo).
Photo: courtesy of Midnight Factory

Photo: courtesy of Midnight Factory

It Follows funziona, si insinua sotto la pelle e resta per giorni. Sono pochi i momenti di apprensione effettiva, i salti sulla sedia dovuti a jump scare o a lampi estemporanei di gore ma, per quasi tutta la durata del lungometraggio si percepisce chiaramente la concretezza del pericolo. È questa la forma più pura, più catartica, del terrore: poterlo avvertire, ritrovare sensazioni già provate e portarle all’estremo sui volti dei personaggi per farle così accettare, in forma minore, allo spettatore. Se si riesce ad entrare nel gioco del regista, che ci avvicina verso la cinepresa per osservare ogni fotogramma con attenzione e vedere se ci sia qualche “estraneo” tra la folla, It Follows può diventare una vera e propria esperienza di spaesamento e di impotenza. Come nei migliori horror, nulla è sotto il controllo dei protagonisti e, anche quando questi cercheranno di gestire ciò che gli sta accadendo, il fato sembra dispiegarsi inevitabilmente. Mitchell si avvale del mezzo cinematografico con sapienza e divertimento, a volte anche con ironia, e ci regala un’opera seconda totale e completa, nonostante qualche piccola defezione, e sicuramente molto particolare.
It Follows è una rivelazione, un film diverso e stimolante sotto molti aspetti, che si appresta a diventare uno degli horror più interessanti della nostra epoca. Non perdetevelo.
Consigliato a: chi ama il cinema dell’orrore e a coloro che antepongono alla paura immediata le sensazioni a lungo termine, con una messa in scena degna di essere definita “cinematografica”.
Gabriele Lingiardi

Rating_Cineavatar_4

Potrebbero piacerti...

Shares