Mob Girl: Jennifer Lawrence nel nuovo film di Paolo Sorrentino

paolo sorrentino loro

Il regista Premio Oscar Paolo Sorrentino

Sarà Jennifer Lawrence la protagonista del nuovo lavoro del cineasta Paolo Sorrentino intitolato “Mob Girl“, tratto dalla vera storia di Arlyne Brickman, moglie di un uomo della Mafia divenuta collaboratrice di giustizia.
Nata nel 1934 è cresciuta nel Lower East Side di New York City, è stata al fianco dei cosiddetti “uomini d’onore”. Attratta da quella vita ha lavorato per molti anni per la mafia.
A 35 anni, la Brickman venne violentata da un uomo della mafia, non ricevendo alcuno aiuto solo perché donna ed ebrea.
Otto anni dopo, quando uno strozzino minacciò di uccidere la sua unica figlia diciottenne, decise di contattare l’FBI, accettando di indossare un microfono nel reggiseno e nella borsa.
Arlyne divenne informatrice di polizia e testimone principale nel caso del governo contro la famiglia criminale Colombo nel 1986. La sua testimonianza ha portato all’arresto del gangster di Anthony Scarpati.
Dopo il processo a Scarpati, la Brickman ha rifiutato di partecipare al Programma di protezione dei testimoni perché, secondo le sue parole, “Questo è il modo più rapido per essere uccisi“. Adesso ha 85 anni e vive  in Florida.
Il film sarà prodotto da Excellent Cadaver della stessa Lawrence, assieme Makeready di Brad Westonm, alla loro prima collaborazione. Assieme a loro Justine Polsky, Sorrentino e Lorenzo Mieli di Wildside.
La sceneggiatura è stata scritta da Angelina Burnett sul libro del 1992 Mob Girl: A Woman’s Life in the Underworld“, della vincitrice del Premio Pulitzer Teresa Carpenter e pubblicato da Simon & Schuster.
Fonte: Deadline

Potrebbero piacerti...

Shares