Mission: Impossible 6, Tom Cruise blocca la pre-produzione per motivi contrattuali

0
639
paramount-logo-tom cruise
Tom Cruise blocca la pre-produzione di Mission: Impossible 6
La Paramount Pictures è stata costretta a fermare la pre-produzione di Mission: Impossible 6 per la seconda volta dopo gli ipotetici problemi di sceneggiatura di qualche mese fa. Causa scatenante sembrerebbe essere Tom Cruise, protagonista e produttore dell’action-movie, scontento della percentuale sui profitti pattuita nelle trattative iniziali, non paragonabili al cachet percepito per il remake de La Mummia con la Universal Pictures.
Questo è quello che riporta The Hollywood Reporter ma, stando a Deadline, le cose sarebbero andate diversamente: la major aveva assunto un team di 15/20 persone a Londra per lavorare alla delicata fase iniziale, per poi mandarle a casa al fine di concludere le burrascose trattative contrattuali con Tom Cruise, la Bad Robot di J.J. Abrams e la Skydance, alle quali era stato richiesto un taglio nei compensi.
Le riprese dovrebbero partire a gennaio 2017 ma è probabile che subiranno uno slittamento, sempre se le trattative si concludano più velocemente delle previsioni. Questo non vuol dire che Christopher McQuarrie non ci regalerà un ennesimo successo; infatti, anche durante la lavorazione di Mission: Impossible-Rogue Nation, si erano verificati fatti analoghi ma 680 milioni di dollari sono bastati a distendere i nervi dei piani alti della Paramount.
Se volete saperne di più, rimanete con noi.
Fonte: The Hollywood Reporter & Deadline