Golden Globe 2015: trionfano Boyhood e Grand Budapest Hotel. Premio alla carriera a George Clooney. Ecco i vincitori

1
68
golden globes 2018 nomination
golden globe boyhood 2
Nella splendida location del Beverly Hilton Hotel di Beverly Hills a Los Angeles si è svolta questa notte la cerimonia di premiazione della 72esima edizione dei Golden Globe, celebre manifestazione organizzata dai rappresentanti della stampa estera dell’associazione Hollywood Foreign Press Association con lo scopo di promuovere l’immagine di Hollywood nel mondo.
L’evento di gala, che anticipa come ogni anno  l’attesa consegna delle statuette nella prestigiosa Notte degli Oscar (22 febbraio 2015), è stato condotto per la terza ed ultima volta dalle attrici comiche Tina Fey e Amy Poehler le quali hanno intrattenuto il pubblico durante la serata con  battute incalzanti dal ritmo frenetico, senza risparmiare nessuno. Le luci dei riflettori hanno illuminato le star presenti in sala in una cornice glamour e patinata che ha incoronato Boyhood di Richard Linklater, vincitore anche del premio per la miglior regia, nella categoria riservata al miglior film drammatico e Grand Budapest Hotel di Wes Anderson nella sezione miglior commedia/musical.
Stravolti dunque i pronostici della vigilia che vedevano favoriti i film Selma (dramma) e Into the Woods (commedia), rimasti a mani vuote, mentre sono state rispettate le previsioni sulle assegnazioni dei premi individuali agli interpreti: Eddie Redmayne si aggiudica il Globo d’Oro come migliore attore drammatico nel film La Teoria del Tutto, vinto nella rispettiva categoria femminile da Julianne Moore per il film Still Alice; Michael Keaton conquista  il premio come migliore attore della commedia brillante Birdman di Alejandro Gonzalez Iñárritu, che ottiene il riconoscimento per la miglior sceneggiatura, ed infine la splendida Amy Adams, celebrata dalla stampa straniera come migliore attrice di commedia nel pittorico Big Eyes di Tim Burton.
Tra le star più acclamate del red carpet californiano, l’attore George Clooney che ha ricevuto il Cecil B. DeMille Award per la carriera e, durante il suo discorso,  ha voluto ricordare le vittime dell’attentato di Parigi alla sede della rivista satirica Charlie Hebdo, dichiarando il suo sostegno ai milioni di partecipanti che ieri hanno gremito la capitale francese in nome della libertà di espressione, quale diritto fondamentale riconosciuto da tutte le moderne costituzioni.”
Ecco tutti i vincitori della categoria ‘Cinema’:
MIGLIOR FILM DRAMMATICO
  • Boyhood
  • The Imitation Game
  • Selma
  • La Teoria del Tutto
  • Foxcatcher
MIGLIOR FILM COMMEDIA / MUSICAL
  • Birdman
  • Grand Budapest Hotel
  • Into The Woods
  • St. Vincent
  • Pride
MIGLIOR REGISTA
  • Ava DuVernay – “Selma”
  • Alejandro Gonzalez Inarritu – “Birdman”
  • Wes Anderson – “The Grand Budapest Hotel”
  • David Fincher – “Gone Girl-L’amore Bugiardo”
  • Richard Linklater – “Boyhood”
MIGLIORE ATTRICE IN UNA COMMEDIA / MUSICAL
  • Amy Adams – “Big Eyes”
  • Emily Blunt – “Into The Woods”
  • Helen Mirren – “The Hundred-Foot Journey”
  • Julianne Moore – “Maps To The Stars”
  • Quvenzhané Wallis – “Annie”
MIGLIOR ATTORE IN UNA COMMEDIA / MUSICAL
  • Ralph Fiennes – “The Grand Budapest Hotel”
  • Michael Keaton – “Birdman”
  • Bill Murray – “St. Vincent”
  • Christoph Waltz – “Big Eyes”
  • Joaquin Phoenix – “Inherent Vice”
MIGLIORE ATTRICE IN UN FILM DRAMMATICO
  • Jennifer Aniston – “Cake”
  • Felicity Jones – “La Teoria del Tutto – The Theory Of Everything”
  • Julianne Moore – “Still Alice”
  • Rosamund Pike – “Gone Girl”
  • Reese Witherspoon – “Wild”
MIGLIOR ATTORE IN UN FILM DRAMMATICO
  • Steve Carell – “Foxcatcher”
  • Benedict Cumberbatch – “The Imitation Game”
  • Jake Gyllenhaal – “Nightcrawler”
  • David Oyelowo – “Selma”
  • Eddie Redmayne – “La Teoria del Tutto – The Theory Of Everything”
MIGLIORE ATTRICE NON PROTAGONISTA
  • Patricia Arquette – “Boyhood”
  • Keira Knightley – “The Imitation Game”
  • Meryl Streep – “Into The Woods”
  • Emma Stone – “Birdman”
  • Jessica Chastain – “A Most Violent Year”
MIGLIOR ATTORE NON PROTAGONISTA
  • Robert Duvall – “The Judge”
  • Ethan Hawke – “Boyhood”
  • Edward Norton – “Birdman”
  • J.K Simmons – “Whiplash”
  • Mark Ruffalo – “Foxcatcher”
MIGLIOR SCENEGGIATURA
  • Alexander Dinerlaris, Alejandro Gonzalez Inarritu, Nicolas Giacobone, Armando Bo – “Birdman”
  • Wes Anderson & Hugo Guinness – “The Grand Budapest Hotel”
  • Anthony McCarten – “La Teoria del Tutto – The Theory Of Everything”
  • Gillian Flynn – “Gone Girl”
  • Richard Linklater – “Boyhood”
MIGLIOR FILM STRANIERO
  • Force Majeure
  • Ida
  • Leviathan
  • Tangerines
  • Gett: The Trial of Viviane Amsalem
MIGLIOR FILM D’ANIMAZIONE
  • Big Hero 6
  • The Book Of Life
  • The Boxtrolls
  • Dragon Trainer 2
  • The Lego Movie
MIGLIOR CANZONE ORIGINALE
  • “Glory” da “Selma”
  • “Big Eyes” da “Big Eyes”
  • “Mercy Is” da “Noah”
  • “Opportunity” da “Annie”
  • “Yellow Flicker Beat” da “The Hunger Games: Mockingjay—Part 1″
MIGLIOR COLONNA SONORA ORIGINALE
  • Birdman
  • The Imitation Game
  • Interstellar
  • The Theory Of Everything
  • Gone Girl