CAPTIVE STATE, la recensione del film di Rupert Wyatt

captive state

John Goodman in Captive State (2019)

Captive State parte da un assunto originale, totalmente diverso da quanto siamo stati abituati a vedere nei film di fantascienza: cosa succederebbe se gli alieni, dopo aver invaso e distrutto parte della Terra, rimanessero sul nostro pianeta, nascosti nell’ombra, e fossero considerati la principale forza legislativa mondiale, portatrice di una società statisticamente più sicura? Il concetto è affascinante e solleva sicuramente una serie di domande intriganti a cui il film risponde, in parte, con abilità.
Captive State è un film avvincente, con un occhio attento al racconto e supportato da una messa in scena  una trama originale e mai banale.
Lo sceneggiatore e regista Rupert Wyatt focalizza tutta l’azione a Chicago dove un nuovo ordine mondiale colpisce una città già alle prese con crimine e disparità economica. Incaricato di cancellare i dati dai dispositivi digitali che sono stati messi fuori legge, Gabriel (Ashton Sanders di Moonlight) deve fare i conti con la morte del sovversivo fratello Rafe (Jonathan Majors) e con la nascita di una nuova organizzazione di ribelli chiamata la Fenice. L’uomo è inoltre legato a Mulligan (John Goodman), un poliziotto locale convinto che un’altra rivoluzione clandestina sia in atto, ma che, al tempo stesso, è protettivo e diffidente nei confronti del ragazzo.
Captive State

Captive State (2019)

Dal punto di vista estetico il film di Rupert Wyatt è cupo e claustrofobico. La sua struttura narrativa, dinamica e compatta, riesce a convincere completamente lo spettatore. Il ritmo fatica a mantenersi constante rallentando nella parte centrale per poi riprendere l’intreccio alternando momenti ansiogeni a picchi d’azione.
Captive State dimostra di avere coraggio poiché pone l’accento su un’azione inserita in una trama a tratti impegnativa e pesante, con il rischio di deludere le aspettative di un pubblico abituato al genere. In alcuni momenti il lungometraggio appare confuso e caotico: lo script non risponde in modo esaustivo a tutte le domande che si pone. Lo stesso John Goodman sembra essere ostacolato da una sceneggiatura fatta di intrighi e cambi di rotta che ci preparano al colpo di scena finale che però resta sospeso, quasi dubbioso, congelato.
Captive State è costruito in modo imperfetto ma ha il merito di cercare di fare qualcosa di diverso e nuovo. Per questo motivo, in rapporto ai tanti film di fantascienza degli ultimi anni, conserva una certa dignità.

Potrebbero piacerti...

Shares