Steven Soderbergh porterà al cinema lo scandalo Panama Papers?

0
74
steven soderbergh
panamapapers
Steven Soderbergh porterà al cinema lo scandalo Panama Papers?
Accantonata momentaneamente l’idea di ritirarsi dalle scene, il regista Steven Soderbergh ha deciso di portare al cinema il racconto del Premio Pulitzer Jake Bernstein, intitolato Secrecy World.
Il libro documenta con grande meticolosità lo scandalo delle Panama Papers, un fascicolo informatico da ben 11,5 milioni di documenti, per un totale di 2,6 terabyte, con informazioni compromettenti su migliaia di società offshore a partire dagli anni 70. I dossier venivano utilizzati dagli uomini più ricchi e potenti del pianeta per allontanarsi dai controlli dei propri paesi, eludendo qualsiasi forma di tassazione, oltre all’utilizzo per attività illegali di ogni forma. Il materiale incriminato è stata inviato al giornale tedesco Süddeutsche Zeitung nell’agosto 2015 e successivamente consegnato al Consorzio Internazionale dei Giornalisti Investigativi che, da oltre un anno, ha messo a lavoro oltre 400 giornalisti di 107 organizzazioni d’informazione sparse in più di 80 nazioni, per quella che è senza ombra di dubbio la più grande fuga di dati della storia.
Protestors at the 'David Cameron: close tax loopholes or resign!' demonstration at Downing street Panama Papers demonstration 'David Cameron: close tax loopholes or resign!', Whitehall, London, Britain - 09 Apr 2016 9 April 2016 (Rex Features via AP Images)
Gruppo di protesta per l’ex Premier britannico David Cameron
Bernstein,  a capo di questa inchiesta, ha pubblicato con i suoi colleghi un resoconto investigativo il 3 aprile 2016 ma ha dichiarato che si tratta solo dell’inizio. La cosiddetta punta dell’iceberg di uno scandalo che ha coinvolto il presidente dell’Argentina Mauricio Macri, il re dell’Arabia Saudita Salman, il presidente ucraino Petro Poroshenko, i calciatori Lionel Messi Michel Platini, il padre dell’ex premier David Cameron, tre persone vicine a Vladimir Putin (il cui nome non è presente nel fascicolo) e l’ex Primo Ministro islandese Sigmundur Davíð Gunnlaugsson, che ha tentato di preservare la sua carica fino a quando il popolo non è sceso in piazza, invocando per le sue dimissioni.
Lo sceneggiatore Scott Z. Burns si occuperà di scrivere l’adattamento.
Vi terremo aggiornati su nuovi sviluppi!
Fonte: Deadline