Rolling Thunder Revue: Martin Scorsese racconta Bob Dylan

Martin Scorsese racconta Bob Dylan Martin Scorsese in Rolling Thunder Revue. Nel 2005 il regista aveva già delineato un ritratto dell’artista nel documentario No Direction Home: Bob Dylan, ma oggi con questo nuovo progetto sembra voler completare definitivamente il suo lavoro.
Il film è disponibile su Netflix dal 12 giugno.
Di seguito il trailer e il poster:
Rolling Thunder Revue: Martin Scorsese racconta Bob Dylan” sarà anche presentato a Bologna lunedì 17 giugno in Piazza Maggiore, per l’inaugurazione della manifestazione “Sotto le stelle del cinema”.
SINOSSI
Attraversando nel 1975 un’America politicamente, economicamente e socialmente sfinita, un autobus carico di musicisti – radunati da Bob Dylan – percorre la strada alla ricerca di nuovi orizzonti creativi. Il risultante tour, il Rolling Thunder Revue, rivelò un Dylan mai visto: giocoso, intenso, espansivo, rinvigorito. Catturando in modo magistrale un’icona e una nazione in transizione, il regista Martin Scorsese racconta la storia usando materiale video abbandonato per decenni, ora splendidamente restaurato, e portando gli spettatori direttamente nel cuore di un’elettrizzante e incontrollata scommessa musicale. Ispirato dallo spirito inquieto di Dylan, Scorsese realizza trovate mozzafiato, evocando fantasmi nostalgici, combattenti, maghi, giovani star e testimoni di ogni tipo, superando i confini del documentario convenzionale.
Come un frammento essenziale di una leggendaria narrativa, Scorsese racconta Joan Baez, Rubin “Hurricane” Carter, Sam Shepard, Allen Ginsberg e Bob Dylan, davanti alle telecamere per la sua prima intervista in oltre un decennio. ROLLING THUNDER REVUE: MARTIN SCORSESE RACCONTA BOB DYLAN vibra con la promessa di un’America, da più di 200 anni in sperimentale stato di cambiamento. Il film trascende la semplice rievocazione della straordinaria musica di Dylan descrivendo il percorso nel territorio inesplorato della reinvenzione artistica personale.
Fonte: ufficio stampa

Potrebbero piacerti...

Shares