Oscar assegnati durante la pubblicità: da Scorsese a Chazelle tutti contro l’Academy

0
118

Oscar 2019

Dopo la tempesta, di solito, arriva il sole. Eppure per l’Academy non si intravede alcuno spiraglio di luce dall’abbandono di Kevin Hart alla conduzione.
Negli ultimi anni l’audience della diretta più glamour dell’anno è andata sempre a peggiorare, con un crollo nella scorsa edizione del 20%. Negli Stati Uniti poco più di 26 milioni di telespettatori hanno seguito la diretta battendo ogni record in negativo di ascolti.
Per fronteggiare questo problema l’Academy of Motion Picture Arts and Sciences ha deciso di ridurre la durata della diretta entro le 3 ore, una scelta plausibile se non fosse per un punto dolente e inconcepibile: 4 premi “tecnici” verranno consegnati duranti i break pubblicitari.
È ovvio che le categorie considerate dai membri dell’Academy “prestigiose” non subiranno nessun tipo di cambiamento, ma a venire defraudati saranno proprio i premi relativi al miglior montaggio, alla migliore fotografia, al miglior cortometraggio e al miglior trucco.
Questa scelta ha scatenato un’accesa diatriba fra molti addetti ai lavori e il presidente di Academy John Bailey. Grandi nomi del cinema hanno deciso di firmare una lettera aperta in cui chiedono all’Academy di ripensarci.
Da Martin Scorsese a Damien Chazelle, passando per Spike Lee, Quentin Tarantino, Alfonso Cuaron, Christopher Nolan e Ang Lee. A loro si sono uniti Robert De NiroGeorge Clooney, Brad PittElizabeth Banks e molti altri.

https://twitter.com/alfonsocuaron/status/1095296467244326913

https://twitter.com/RealGDT/status/1095482783856644096

https://twitter.com/russellcrowe/status/1095885296770666496

https://twitter.com/JasonReitman/status/1095243384761896961

Questo sconvolgimento ha dato vita a una lettera filmata da diversi direttori della fotografia, registi e attori:
John Bailey, Presidente dell’Academy of Motion Picture Arts & Sciences, ha annunciato che le presentazioni Oscar di quest’anno per la migliore fotografia – assieme al montaggio, Cortometraggio e Trutto e Parrucco – non saranno trasmesse in diretta ma presentate nei break pubblicitari. Questa decisione è stata presa per ridurre la durata dello spettacolo da quattro ore a tre. La risposta dei nostri colleghi e l’immediato contraccolpo dei leader del settore rispetto alla decisione dell’Academy fanno supporre che non è troppo tardi per cambiare decisione.
L’Academy fu fondata nel 1927 per riconoscere e sostenere l’eccellenza nelle arti cinematografiche, ispirare l’immaginazione e aiutare a unire il mondo attraverso il mezzo universale dei film.
Sfortunatamente, siamo andati alla deriva da questa missione nella nostra ricerca dell’ intrattenimento, piuttosto che nel presentare una celebrazione della nostra forma d’arte e delle persone che ci sono dietro.
La retrocessione di queste arti cinematiche essenziali a uno status inferiore in questa cerimonia del 91 ° premio Oscar è nientemeno che un insulto per quelli di noi che hanno dedicato le nostre vite e passioni alla professione scelta.
Il direttore dello show, Glenn Weiss, ha dichiarato che determinerà quali momenti “emotivamente risonanti” dai discorsi dei quattro vincitori saranno selezionati per essere trasmessi in seguito nella trasmissione. Lo spettacolo taglierà qualsiasi commento aggiuntivo da parte dei presentatori, così come ogni recita dei nominati come loro ritengono opportuno.
Consideriamo questa riduzione e la potenziale censura contrarie allo spirito della missione dell’Academy.
Sin dal suo inizio, la diretta degli Academy Awards è stata modificata nel tempo per mantenere il formato fresco, ma mai sacrificando l’integrità della missione originale dell’Academy.
Quando il riconoscimento dei responsabili della creazione di un cinema eccezionale è diminuito dalla stessa istituzione il cui scopo è proteggerlo, non stiamo più sostenendo lo spirito della promessa dell’Accademia di celebrare il cinema come forma d’arte collaborativa.
Per citare il nostro collega Seth Rogen, “Quale modo migliore per celebrare i risultati nel cinema che NON onorare pubblicamente le persone il cui compito è quello di filmare letteralmente le cose”.

Qui sotto i firmatari:

Cinematographers
  • Thomas Ackerman
  • Javier Aguirresarobe
  • Gonzalo Amat
  • Fernando Argüelles
  • Katelin Arizmendi
  • Paul Atkins
  • Ashley Barron
  • Gary Baum
  • Bojan Bazelli
  • Dion Beebe
  • Bill Bennett
  • Gabriel Beristain
  • Sean Bobbitt
  • Oliver Bokelberg
  • Russell Boyd
  • Natasha Braier
  • Vance Burberry
  • Frank B. Byers
  • Patrick Cady
  • Antonio Calvache
  • Rodney Charters
  • Christopher Chomyn
  • James Chressanthis
  • T.C. Christensen
  • Christophe Collette
  • Jack Cooperman
  • Dean Cundey
  • David Darby
  • Roger Deakins
  • Benoit Delhomme
  • Frankie DeMarco
  • Peter Deming
  • Jim Denault
  • Caleb Deschanel
  • George Spiro Dibie
  • Billy Dickson
  • Mark Doering-Powell
  • Todd A. Dos Reis
  • James Drake
  • Stuart Dryburgh
  • Bert Dunk
  • John Dykstra
  • Robert Elswit
  • Eduardo Fierro
  • John C. Flinn III
  • Mauro Fiore
  • Larry Fong
  • Markus Förderer
  • Crille Forsberg
  • Ron Fortunato
  • Greig Fraser
  • Jonathan Freeman
  • Alex Funke
  • Steve Gainer
  • Dejan Georgevich
  • Dana Gonzales
  • Nathaniel Goodman
  • David Greene
  • Alexander Gruszynski
  • David R. Hardberger
  • Gregg Heschong
  • Adam Holender
  • Tom Houghton
  • Paul Hughen
  • Shane Hurlbut
  • Ruben Impens
  • Peter James
  • Johnny E. Jensen
  • Matthew Jensen
  • Tor Johansen
  • Shelly Johnson
  • Janusz Kaminski
  • Adam Kane
  • Stephen M. Katz
  • Darius Khondji
  • David Klein
  • Ellen Kuras
  • Joseph Labisi
  • Ed Lachman
  • Jacek Laskus
  • Patti Lee
  • Robert Legato
  • John Leonetti
  • Philippe Le Sourd
  • Peter Levy
  • Matthew Libatique
  • Karl Walter Lindenlaub
  • Jimmy Lindsey
  • Emmanuel Lubezki
  • Glen Macpherson
  • Paul Maibaum
  • Constantine Makris
  • Mihai Mălaimare Jr.
  • Denis Maloney
  • Isidore Mankofsky
  • Anthony Dod Mantle
  • Todd Martin
  • Steve Mason
  • Clark Mathis
  • Michael McDonough
  • Seamus McGarvey
  • Robert Mclachlan
  • Suki Medencevic
  • Chris Menges
  • Peter Menzies Jr.
  • Erik Messerschmidt
  • Paul Meyers
  • Anastas Michos
  • Gregory Middleton
  • Dan Mindel
  • Charles Minsky
  • Claudio Miranda
  • George Mooradian
  • Reed Morano
  • Polly Morgan
  • Rachel Morrison
  • Peter Moss
  • David Moxness
  • M. David Mullen
  • Guillermo Navarro
  • James Neihouse
  • Michael Negrin
  • Bill Neil
  • John Newby
  • Sam Nicholson
  • Crescenzo Notarile
  • Jules O’Loughlin
  • Thomas Alger Olgeirsson
  • Phedon Papamichael
  • Andrij Parekh
  • Daniel Pearl
  • Brian Pearson
  • Dave Perkal
  • Wally Pfister
  • Steven Poster
  • Rodrigo Prieto
  • Robert Primes
  • Frank Prinzi
  • Christopher Probst
  • Evan Prosofsky
  • Robert Richardson
  • Anthony B Richmond
  • Antonio Riestra
  • Pete Romano
  • Martin Ruhe
  • Paul Ryan
  • Eric Saarinen
  • Alik Sakharov
  • Mikael Salomon
  • Linus Sandgren
  • Germano Saracco
  • Paul Sarossy
  • Roberto Schaefer
  • Tobias Schliessler
  • Aaron Schneider
  • John Seale
  • Christian Sebaldt
  • Joaquin Sedillo
  • Jonathan Sela
  • Ben Seresin
  • Steven Shaw
  • Lawrence Sher
  • Newton Thomas Sigel
  • Karina Silva
  • John Simmons
  • Jeremy Snell
  • Ueli Steiger
  • Vittorio Storaro
  • Gavin Struthers
  • Tim Suhrstedt
  • Attila Szalay
  • Rodney Taylor
  • Mario Tosi
  • Salvatore Totino
  • Kristy Tully
  • Eric van Haren Noman
  • Hoyte van Hoytema
  • Kees van Oostrum
  • Theo Van De Sande
  • Checco Varese
  • Mark Vargo
  • Roy Wagner
  • Corey C. Waters
  • Colin Watkinson
  • Michael Weaver
  • Mark H. Weingartner
  • Jo Willems
  • Stuart Winecoff
  • Peter Wunstorf
  • Rina Yang
  • Bradford Young
  • Haris Zambarloukos
  • Kenneth Zunder
Directors
  • Allison Anders
  • Darren Aronofsky
  • Jacques Audiard
  • Brad Bird
  • Danny Boyle
  • D.J. Caruso
  • J. C. Chandor
  • Damien Chazelle
  • George Clooney
  • Ethan Coen
  • Joel Coen
  • Bradley Cooper
  • Sofia Coppola
  • Brady Corbet
  • Alfonso Cuarón
  • Garth Davis
  • Guillermo del Toro
  • David Dobkin
  • Steve Faigenbaum
  • Rick Famuyiwa
  • Coralie Fargeat
  • Rodrigo Garcia
  • Jonathan Glazer
  • Drew Goddard
  • Alfonso Gomez-Rejon
  • James Gray
  • Luca Guadagnino
  • Sam Hargrave
  • Albert Hughes
  • Alejandro G. Iñárritu
  • Peter Jackson
  • Rian Johnson
  • Spike Jonze
  • John Krasinski
  • Oliver Hirschbiegel
  • Nicole Holofcener
  • Ron Howard
  • Allen Hughes
  • Karyn Kusama
  • Yorgos Lanthimos
  • Francis Lawrence
  • Ang Lee
  • Spike Lee
  • Shawn Levy
  • Will Lovelace
  • Kevin Macdonald
  • Dennis Maguire
  • James Mangold
  • Michael Mann
  • Rob Marshall
  • Tom McCarthy
  • Christopher McQuarrie
  • Sam Mendes
  • Christopher Nolan
  • Gavin O’Connor
  • Pawel Pawlikowski
  • Alexander Payne
  • Mark Pellington
  • Todd Phillips
  • Michael Polish
  • Gina Prince-Bythewood
  • Sam Raimi
  • Dee Rees
  • Nicolas Winding Refn
  • Jason Reitman
  • Seth Rogen
  • Mark Romanek
  • David O. Russell
  • Joe Russo
  • Marjane Satrapi
  • Julian Schnabel
  • Martin Scorsese
  • M. Night Shyamalan
  • Dylan Southern
  • Wendey Stanzler
  • Quentin Tarantino
  • Julie Taymor
  • Fernando Trueba
  • Denis Villeneuve
  • Chris Weitz
  • Wim Wenders
  • Joss Whedon
  • Edgar Wright
  • Joe Wright
Actors
  • Kathy Baker
  • Elizabeth Banks
  • Drew Barrymore
  • Halle Berry
  • Kate Bosworth
  • Lucy Boynton
  • Zach Braff
  • Jeff Bridges
  • Sterling K. Brown
  • Sandra Bullock
  • Rose Byrne
  • Bobby Cannavale
  • Max Casella
  • Jessica Chastain
  • Glenn Close
  • Willem Dafoe
  • Zooey Deschanel
  • Robert De Niro
  • Danny DeVito
  • Peter Dinklage
  • Ann Dowd
  • Clea Duvall
  • Elle Fanning
  • America Ferrera
  • Dexter Fletcher
  • Paul Giamatti
  • Ryan Gosling
  • Heather Graham
  • Bill Hader
  • Michael C. Hall
  • Jon Hamm
  • Woody Harrelson
  • Kate Hudson
  • Holly Hunter
  • Scarlett Johansson
  • Catherine Keener
  • Barry Keoghan
  • Riley Keough
  • Lisa Kudrow
  • Jude Law
  • Virginia Madsen
  • Frances McDormand
  • Max Minghella
  • Ellen Page
  • Rosamond Pike
  • Brad Pitt
  • Tim Robbins
  • Zoe Saldana
  • Jason Segel
  • Chloe Sevigny
  • Tye Sheridan
  • Kristen Stewart
  • Emma Stone
  • Jason Sudeikis
  • Ulrich Thomsen
  • Kerry Washington
  • Naomi Watts
  • Olivia Wilde
  • Kate Winslet
  • Ayelet Zurer
Filmmakers
  • Collen Atwood
  • John Axelrad
  • Eddie Barber
  • Kym Barrett
  • Thomas Barron
  • Alan Baumgarten
  • Alan Edward Bell
  • William Brent Bell
  • Erin Benach
  • Fred Berger
  • Debbie Berman
  • Avril Beukes
  • Consolata Boyle
  • Maryann Brandon
  • Wendy Greene Bricmont
  • Reid Burns
  • Eugenio Caballero
  • Milena Canonero
  • John Capo
  • Stéphane Ceretti
  • Hank Corwin
  • Scott Dale
  • Luke Davies
  • Sophie De Rakoff
  • Peter Devlin
  • Chris Dickens
  • Dody Dorn
  • Matthew Duclos
  • Bob Ducsay
  • Mark L Duncan
  • Andrew Eisen
  • Seth Emmons
  • Louie Escobar
  • Lou Eyrich
  • Bill Fariello
  • Dante Ferretti
  • Eric Fletcher
  • Mark-O Forker
  • Billy Fox
  • Glenn Fremantle
  • Jose Antonio Garcia
  • Dede Garner
  • Dean Georgopoulos
  • Dana Glauberman
  • William Goldenberg
  • Steve Golin
  • Affonso Goncalves
  • Adam Gough
  • Jon Gregory
  • Clay Griffith
  • David Gropman
  • Dorian Harris
  • Michael Hatzer
  • David Hayman
  • Rick Heinrichs
  • Mark Helfrich
  • Grant Heslov
  • Richard Heus
  • David Heyman
  • Jeremy Hindle
  • Amy Hobby
  • Frieder Hochheim
  • Jay Holben
  • Maysie Hoy
  • Nichole Huenergardt
  • Rob Hummel
  • Chris Innis
  • Alan Ipakchian
  • Joanna Johnston
  • Frank Kay
  • Debbie Kennard
  • Douglas Kirkland
  • Jon Kilik
  • Jeremy Kleiner
  • Anne Kuljian
  • Stuart Levy
  • Michael Legato
  • Joe Lomba
  • Devin Mann
  • Michael Mansouri
  • Mary Jo Markey
  • Paul Massey
  • Karen McHugh
  • Mike McCusker
  • Joi McMillon
  • Ellen Mirojnick
  • Stephen Mirrione
  • Bob Murawski
  • Jeffrey A. Okun
  • John Ottman
  • Ed Phillips
  • Michael Pizzuto
  • Tom Poole
  • Sandy Powell
  • Fred Raskin
  • Tatiana S. Riegel
  • Amy Robinson
  • Elísabet Ronaldsdóttir
  • Christopher Rouse
  • Paul Rubell
  • Mayes Rubeo
  • Nat Sanders
  • Pietro Scalia
  • Steve Schklair
  • Arthur Schmidt
  • Ellen H. Schwartz
  • Alexander Schwarz
  • Steven J. Scott
  • Anna B. Sheppard
  • Terilyn A. Shropshire
  • Dwayne Alexander Smith
  • Lee Smith
  • Joan Sobel
  • Stefan Sonnenfeld
  • D. Brian Spruill
  • Mick Strawn
  • Juli Silver Taracido
  • Matthew Tomlinson
  • Plummy Tucker
  • John M. Tyson
  • Mark Ulano
  • Martin Walsh
  • Gary Wattson
  • Billy Weber
  • Andrew Weisblum
  • Julie Weiss
  • Bo Welch
  • Tyger Williams
  • Hughes Winborne
  • Janty Yates
  • Joachim Zell
  • Hans Zimmer
L’Academy ha voluto replicare con un’altra lettera:
Come funzionari dell’Academy, vorremmo assicurarvi che nessuna categoria di premio della 91a cerimonia degli Oscar sarà presentata in modo che i risultati siano inferiori a quelli degli altri. Sfortunatamente, come risultato di rapporti imprecisi e di post sui social media, c’è stata una catena di disinformazione che ha comprensibilmente sconvolto molti membri dell’Academy. Vorremmo spiegare i piani per la presentazione dei premi, approvati dal Consiglio dei dirigenti dell’Academy.
· Tutte le 24 categorie di premi sono presentate sul palco del Dolby Theater e incluse nella trasmissione.
· Quattro categorie – Fotografia, Montaggio, Trucco e acconciatura, e Cortometraggio – sono stati offerti volontariamente dalle loro filiali affinché i loro candidati e vincitori fossero annunciati dai presentatori e inclusi più tardi nella trasmissione. Il tempo trascorso a camminare sul palco e fuori, verrà modificato.
· I quattro discorsi vincitori saranno inclusi nella trasmissione.
· Negli anni futuri, saranno selezionate per la rotazione da quattro a sei diverse categorie, in collaborazione con i produttori dello spettacolo. Le categorie di quest’anno saranno esentate nel 2020.
· Questo cambiamento nello spettacolo è stato discusso e concordato dal Consiglio in agosto, con il pieno appoggio delle commissioni esecutivi delle filiali. Tali decisioni sono completamente deliberate.
I nostri produttori hanno tenuto in grande considerazione sia la tradizione degli Oscar che il nostro vasto pubblico globale.
Siamo sinceramente convinti che sarete soddisfatti dello spettacolo e non vediamo l’ora di festeggiare un grande anno nel cinema con tutti i membri dell’Academy e con il resto del mondo.
John Bailey, presidente
Lois Burwell, primo vicepresidente
Sid Ganis, Vicepresidente
Larry Karaszewski, Vicepresidente
Nancy Utley, Vicepresidente
Jim Gianopulos, tesoriere
David Rubin, segretario
La cerimonia di premiazione si svolgerà il 24 febbraio al Dolby Theater di Los Angeles.
Fonte: Theasc.com