Guardiani della Galassia Vol. 2 sarà girato con la RED Weapon 8K

0
62

james gunn

La settima arte sta per entrare in una nuova era, quella della tecnologia 8K.
L’atteso cinecomic Marvel Guardiani della Galassia Vol. 2 sarà il primo lungometraggio a essere girato con la RED WEAPON 8K, la nuova frontiera dell’industria visiva con un sensore Full Frame da 8192 x 4320 pixel che consente di riprendere fino a 75 fps a massima risoluzione.
La RED non è la prima volta che offre i suoi mezzi per la cinematografia d’impatto visivo. Nel 2012 la EPIC DRAGON con il sensore fino a 6K venne utilizzata per il kolossal fantascientifico Prometheus.
Il sensore 8K non è però la sola novità di questo prodotto, infatti l’upgrade alla WEAPON è disponibile anche con il “vecchio” sensore Dragon 6K, sia per Epic Dragon che per Scarlet Dragon, e l’aggiornamento verte principalmente sul fronte della modularità: sono stati introdotti degli alloggiamenti per le potenti batterie REDVOLT XL, nuovi connettori per i monitor Red Touch, che non prevedono più i canonici cavi con connettore Lemo, e un nuovo modulo laterale denominato Weapon Sidekick, un piccolo monitor con cui è possibile tenere sott’occhio e modificare i metadati del footage e le funzioni della camera, feature già presente in diverse cineprese della concorrenza nonché sulla RED ONE e finalmente reintrodotto.

image

Attraverso un comunicato su Facebook il regista James Gunn, oltre a dichiarare il suo più che giustificato entusiasmo, ha voluto spiegare i motivi di questa scelta:
Con l’annuncio che Guardiani della Galassia Vol. 2 sarà il primo film a essere girato con la RED Weapon 8K, ho ricevuto messaggi entusiasti da moltissime persone. GRAZIE! Tuttavia, molti mi chiedono come mai non gireremo il film in pellicola, e molti pensano che sia perché costa troppo.
Quindi, se vi interessa, ecco il motivo.
Quando giri un film delle proporzioni di Guardiani della Galassia, la differenza tra il costo di girarlo in pellicola e farlo in digitale è trascurabile. Per me è una scelta estetica e creativa.
Prima di tutto, penso che quando giri con un formato come la Red Weapon 8K o la Arri Alexa 65, la quantità di dati è così alta – molto superiore a quella presente su una striscia di pellicola – da darti molta più libertà sia in produzione che in postproduzione per farti realizzare esattamente il film che vuoi fare, molto più di quanto ti permetta la pellicola. E chi ha lavorato con me sa che sono un maniaco del controllo. Una risoluzione così alta mi permette di controllare ogni singolo bit di dati (ovviamente ci vorrebbe moltissimo tempo, ma saperlo mi dà molta sicurezza). Molti registi vogliono replicare l’aspetto della pellicola, ma a me non interessa. Penso che le innovazioni nella tecnologia di ripresa così come negli effetti visivi e pratici permettano di creare una nuova estetica cinematografica, diversa da quella del passato ma ugualmente bella, forse anche più bella. Rispetto molti dei registi che continuano a girare in pellicola – molti splendidi film del 2015 sono stati girati in quel formato. Ma penso che a volte l’amore per la pellicola sia più nostalgico che dovuto alla ricerca della bellezza oggettiva. Molti registi ricordano i film della loro giovinezza e vogliono replicare quella magia. Ma io voglio essere uno di quei registi che contribuiscono a creare una nuova magia che spingerà l’esperienza cinematografica verso il futuro. A cosa penseranno con nostalgia i bambini del futuro?
E certo, molti registi che hanno girato in digitale hanno sfruttato male questo formato. Ma le nuove cineprese hanno dei vantaggi più evidenti per tutti.
Ed ecco tre altre ragioni per cui ho scelto questo formato:
È più facile incorporare una grande quantità di effetti visivi digitali – inclusi un albero e un procione digitali. Uno dei modi in cui registro le interpretazioni dei miei attori è realizzando lunghissime sessioni di ripresa, una dopo l’altra, a volte lunghe fino a un’ora. Molto più lunghe dei tradizionali 11 minuti di durata di un rullo di pellicola. Penso sia un modo migliore di catturare l’energia e la spontaneità in una interpretazione. Per il film utilizzeremo altre nuove tecnologie davvero entusiasmanti ma delle quali non posso ancora parlarvi. Per queste tecnologie ci serve una cinepresa piccola come la RED Weapon. La cinepresa a pellicola è troppo grande, così come la Arri Alexa 65 (che è straordinaria).
Diretto da James Gunn e in uscita nelle italiane il 25 aprile (sale americane il 5 maggio 2017), il film segna il ritorno dell’iconica squadra di supereroi capeggiata da Chris Pratt, alias Star-Lord, e formata da Zoe Saldana (Gamora), Dave Bautista (Drax-Il Distruttore), Vin Diesel (Groot), Bradley Cooper (Rocket Raccoon). Nel cast anche Karen Gillan nel ruolo di Nebula.