Robin’s Wish: il trailer del documentario sugli ultimi giorni di Robin Williams

    0
    67

    Robin’s Wish racconta gli ultimi difficili giorni del premio Oscar
    scomparso l’11 agosto 2014

    Il dolore per il suicidio di Robin Williams è ancora vivido nei suoi fan, che quel maledetto giorno di agosto di 6 anni fa ricevettero la più orribile – e inaspettata – delle notizie. Il documentario di Vertical Entertainment ripercorre gli ultimi giorni di Williams attraverso il racconto di chi gli fu vicino fino alla fine.

    I risultati dell’autopsia confermarono che l’attore subiva i tragici effetti di una patologia neuro-degenerativa chiamata demenza da corpi di Lewy – correlata alla malattia di Parkinson di cui soffriva. Il male si manifestò soprattutto con frequenti allucinazioni visive, ansia, perdita di memoria e tremori. Durante l’ultimo anno di vita Williams soffrì, secondo la moglie Susan anche di problemi di stomaco, insonnia, attacchi di panico e paranoia.

    È difficile parlare del Williams artista: anarchico, irruente, controcorrente, un fiume in piena impossibile da trattenere; eppure dietro questo “comico” formatosi alla Juilliard School di New York c’era una persona esigente e severa verso sé stessa. Così nascono i miti, così Williams divenne un’artista a 360°, capace di emozionarci in ogni spettro dell’entertainment, come nel dirompente monologo finale di Goodmorning Vietnam che conclude con “spero potremmo tornarci tutti (a casa)“. (leggete questo articolo)

    Tylor Norwood ha diretto il documentario scritto con Scott Fitzloff, con le testimonianze della vedova Susan Schneider Williams, oltre a Shawn Levy, John R. Montgomery, Rick Overton e David E. Kelley. Vertical pubblicherà Robin’s Wish su VOD e piattaforme digitali il 1° settembre.

    SINOSSI

    Un ritratto intimo di Robin Williams e del suo spirito invulnerabile, Robin’s Wish è la storia di ciò che è realmente accaduto a uno dei più grandi intrattenitori di tutti i tempi e di ciò che la sua mente stava combattendo.

    IL POSTER UFFICIALE

    robin williams

    Fonte: Collider