Recensione di Valerian e la Città dei Mille Pianeti,
il nuovo film di fantascienza di Luc Besson
con Dane DeHaan e Cara Delevingne,
al cinema dal 21 settembre.

valerian recensione
Il poster italiano di Valerian e la città dei mille pianeti

Ambientato nel 28° secolo, Valerian e la città dei mille pianeti racconta la storia di due agenti speciali, Valerian e Laureline, che vengono incaricati di mantenere l’ordine nell’universo. La loro missione li condurrà nella città di Alpha, una metropoli in continua espansione dove nel corso degli anni sono giunte migliaia di specie diverse per condividere sapere e cultura. La pace all’interno della città è però minacciata da un misterioso nemico che vuole distruggerla. Saranno quindi Valerian e Laureline a tentare di salvare Alpha e l’Universo.

Luc Besson torna al cinema con l’adattamento cinematografico di Valerian e la città dei mille pianeti, tratto dalla collana a fumetti uscita in Francia nel 1967 con il titolo Valérian et Laureline. Affascinato dall’opera di Pierre Christin e Jean-Claude Mézières, il regista francese ha infatti deciso di portare sul grande schermo le avventure fantastiche dei due agenti speciali.

Dopo un lunghissimo lavoro produttivo, Besson ha dato vita a un lungometraggio visivamente straordinario, uno spettacolo maestoso per gli occhi, grazie a effetti speciali incredibili e un sapiente uso della grafica computerizzata.

valerian e la città dei mille pianeti recensione
Dane DeHaan e Cara Delevingne in un’immagine di Valerian e La Città dei Mille Pianeti

Il film è una vera e propria esplosione di colori e una meraviglia estetica, capace di incantare e aggiungere un valore prezioso all’intera narrazione. Sorprendente è anche l’uso del 3D e la cura del dettaglio che trasporta lo spettatore in questa dimensione fantastica popolata da creature aliene e straordinari prodigi della tecnica.

Il grande pregio del racconto è quello non solo di sbalordire ma di essere un prodotto d’ intrattenimento allo stato puro per tutta la durata della vicenda. Il ritmo non cede un attimo e mantiene viva l’attenzione del pubblico per le due ore abbondanti di film.

Sono i dettagli a fare la differenza ma anche i momenti di azione, resi con efficacia da sparatorie e inseguimenti, intervallati da inserti leggeri, divertenti e a tratti commoventi. La vicenda che vede protagonisti i giovani agenti, infatti, non manca di ironia soprattutto grazie alla caratterizzazione degli stessi personaggi sempre sopra le righe e mai pienamente seriosi.

Un divertissement senza troppe pretese che, forse, perde di smalto e brillantezza quando si concede troppe spiegazioni in scene prolisse e non utili alla trama.

Valerian e La Città dei Mille Pianeti trailer finale
Dane DeHaan e Cara Delevingne in un’immagine di Valerian e La Città dei Mille Pianeti

A guidare il film Dane DeHaan (Valerian) e Cara Delevingne (Laureline), che interpretano due personaggi tanto diversi quanto indissolubilmente complementari. Il primo presta il volto a un Valerian sicuro di sé, a tratti infantile e vanitoso; la seconda è più seria, impulsiva e seducente. Buonissima prova per entrambi. Al loro fianco troviamo un misterioso Clive Owen e diversi cammei di attori come Rutger Hauer Ethan Hawke, fino ad arrivare alla conturbante apparizione di Rihanna.

Se l’assenza di un vero colpo di scena mina in un certo senso la parte finale, la resa complessiva dell’opera è ampiamente positiva e restituisce allo spettatore tutto il fascino dell’immaginazione.

Rating_Cineavatar_3
valerian recensione