RALPH SPACCA INTERNET, la recensione del film d’animazione Disney

Ralph Spacca Internet

Ralph Spacca Internet © 2018 Disney – All Rights Reserved

A sei anni di distanza da Ralph spacatutto, il “tenero cattivo” del videogame Felix Aggiustatutto torna al cinema nel sequel diretto da Rich Moore insieme a Phil Johnston. Nella sala giochi dove vivono Ralph (John C. Reilly) e Vanellope (Sarah Silverman) viene collegato il wi-fi. Durante una corsa spericolata il volante di Sugar rush si rompe e l’unico modo per trovarne uno di ricambio è andare su internet a recuperarlo. Per Ralph e Vanellope inizia così una nuova avventura.
Come in Ready Player One di Steven Spielberg, la rete viene rappresentata attraverso la metafora di una metropoli, uno scenario diverso rispetto a quello in cui i protagonisti si muovono nel primo film. Il racconto accoglie con maggior respiro un contesto moderno molto più ampio del mondo arcade e lo fa semplificando al massimo ciò che viene ricostruito in una chiave fresca e leggera. Ralph da “cattivo” del gioco espande il suo orizzonte diventando persino protagonista di meme e video virali. Il simpatico protagonista esiste tanto nel videogioco quanto sul web nelle vesti di se stesso. Il cartoon diventa così un meta racconto che pone anche lo spettatore in comunicazione con i personaggi: non a caso, infatti, la realtà del film si mescola con la nostra, mostrandoci quello che fa parte anche del nostro vivere quotidiano (basti pensare a Google e eBay).
Ralph spacca Internet è un sequel ambizioso e soddisfacente, a tratti commovente e buono in tutti i punti giusti, ma anche capace di non prendersi troppo sul serio concedendosi di sovvertire il mondo magico delle principesse in un divertimento irriverente.
ralph spacca internet

Ralph Spacca Internet (2018)

I temi trattati, come siamo stati abituati negli ultimi anni dal cinema di animazione, vanno oltre il semplice intrattenimento ludico per bambini e toccano aspetti ben più profondi dell’essere umano come l’amicizia e il cambiamento.
Se il rapporto tra Ralph e Vanellope non subisce alcun tipo di trasformazione nel microcosmo della sala giochi, la potenzialità di espandere i confini della conoscenza e di cogliere infinite possibilità di immaginazione mina profondamente il legame tra i due. La crescita e l’ambizione sottolineano il lento evolversi delle relazioni logorate da priorità individuali, sfiorando la malinconia di un inevitabile distacco. Vanellope scopre “Slaughter Race“, un gioco in stile “GTA” molto più adulto di Sugar rush, dove finalmente riesce a mostrare le sue proverbiali abilità da pilota insieme a Shank (Gal Gadot), mentre Ralph è contento delle sua routine quotidiana.
Il film in questo modo incoraggia non solo a essere se stessi scegliendo le proprie strade, ma anche a permettere agli amici di essere fedeli ai loro desideri e bisogni. Un messaggio significativo e ben costruito attraverso un linguaggio intelligente. La rete amplifica non solo le possibilità ma trasmette persino le insicurezze di Vanellope e Ralph. Ed è per questo che a volte ci si “perde” per poi ritrovarsi su una strada molto più affine al proprio essere. Vanellope, infatti, riconosce il proprio talento rapportandosi a un nuovo modello femminile come Shank.
Ralph Spacca Internet

Ralph Spacca Internet (2018)

Ralph spacca Internet è astuto e spassoso specialmente in una fantastica sotto-trama che coinvolge le “Principesse Disney” e, proprio in questo frangente, il film mette in discussione tutti gli insegnamenti precedenti ribaltando completamente il risultato finale e prendendo in giro l’eredità della Disney in due sequenze davvero spiritose.
Per quanto ci potesse essere il rischio, il film funziona non perché strizza l’occhio al fan service o banalizza gli insegnamenti che vuole trasmettere, ma poiché prosegue il percorso di crescita dei personaggi. L’evoluzione sottolineata dall’accettazione della diversità e dal seguire i propri desideri nel rispetto degli altri, è il punto di forza del racconto.
Rich Moore insieme a Phil Johnston portano Ralph Spacca Internet ad un livello tanto prezioso quanto incredibile, quello in cui un sequel può essere addirittura migliore del suo predecessore. Un gioiellino di tecnica e raffinatezza visiva che ha tutte le carte in regola per conquistare il grande pubblico.

Potrebbero piacerti...

Shares