Netflix: oltre 700 nuovi titoli in arrivo nel 2018 tra film e serie tv

0
47
Netflix
Oltre 700 nuovi titoli in arrivo nel 2018 per Netflix
Netflix
Oltre 700 nuovi titoli in arrivo nel 2018 per Netflix
Variety ha rivelato che Netflix produrrà 700 nuovi titoli durante il 2018 per un totale di 8 miliardi di dollari. A parlarne è David Weels, CFO di Netflix.
Alla conferenza Media & Telecom al Morgan Stanley Technology, Weels ha infatti dichiarato che “L’enorme quantità di nuovi contenuti guideranno gli abbonati base di Netflix. I 700 nuovi titoli includeranno 80 produzioni originali non in lingua inglese prodotti fuori dagli Stati Uniti, come ad esempio il thriller psicologico Dark che arriva dalla Germania e Club de Cuervos di produzione messicana. Nella spesa totale sono compresi anche nuove stagioni delle serie già esistenti come Orange Is the New BlackNarcos.
Weels ha anche affermato:
“Continuiamo ad aggiungere contenuti perché funziona. Continuiamo a crescere”.
Oltre alle nuove serie tv, Netflix ha intenzione di distribuire online nel corso dell’anno anche 80 film originali, come affermato lo scorso autunno dal capo degli uffici contenuti Ted Sarandos. Nonostante l’incremento di produzioni a Netflix non vige la necessità di essere l’unica fonte di produzione di contenuti pubblicati, e a tal proposito Sarandos ha specificato:
“Alle persone non interessa da dove vengono le storie. Noi abbiamo i migliori contenuti ma non necessariamente dobbiamo farli per forza noi”.
Netflix ha chiuso il 2017 con 117,6 milioni di abbonati in tutto il mondo, e ora punta ad averne 700 milioni a livello globale, Cina inclusa.
“Ci sono più non-membri rispetto agli abbonati a Netflix. Questa è la nostra opportunità”, ha affermato Weels.
Durante la conferenza Weels ha discusso anche dell’incremento al budget marketing, per il quale Netflix vuole investire più del 50% nel 2018, partendo da 1,3 miliardi del 2017 per arrivare a 2 miliardi nel 2018.
Riguardo a questo argomento Weels ha dichiarato:
“Ci dispiace pensare che ogni dollaro speso è stato speso in contenuti” ma vogliono spendere di più in marketing perché “pensiamo che il marketing sia un moltiplicatore della spesa sui contenuti”.
Sono trapelate anche informazioni riguardo agli accordi di Netflix con il produttore Ryan Murphy, con cui è stato firmato un accordo esclusivo di 5 anni e con Shonda Rhimes, produttrice della ABC.