Reader Player One: Christopher Nolan. Il tempo, la maschera, il labirinto di Massimo Zanichelli

Titolo: Christopher Nolan. Il tempo, la maschera, il labirinto

Autore: Massimo Zanichelli

Casa editrice: Bietti

Pagine: 299

Prezzo: 14 euro

È un orologio rotto, o meglio, un bambino che gioca con le sue lancette sfidando inconsciamente la dimensione temporale il cinema di Christopher Nolan. Un cinema che Massimo Zanichelli analizza con sguardo attento e spirito di critica tra le pagine del suo libro Christopher Nolan. Il tempo, la maschera, il labirinto, edito da Bietti Edizioni per la collana Bietti Heterotepia e ristampato in una nuova edizione aggiornata nel 2018 dopo l’uscita al cinema di Dunkirk.
Non deve essere stato facile sobbarcarsi il compito di spiegare l’universo cinematografico creato da Nolan, un conglomerato di mondi diegetici lineari da un punto di vista prettamente narrativo (anzi, “circolare” come lo definisce lo stesso autore), ma decostruiti nella loro dimensione spaziotemporale. Zanichelli tuttavia non si è tirato indietro, accettando con coraggio questa responsabilità per poi realizzare uno dei testi più esaustivi in Italia per riscoprire la carriera di questo regista nato a Londra il 30 luglio del 1970.
dunkirk recensione

Dunkirk, di Christopher Nolan (2017)

In maniera ordinata, semplice e facilmente comprensibile da un pubblico di lettori quanto più ampio possibile, il libro di Zanichelli ripercorre la produzione di Nolan dai suoi esordi, fatti di cortometraggi rimasti ancora inediti in Italia, sino alle sue opere più famose e osannate (Inception, La trilogia del Cavaliere Oscuro) secondo un ordine cronologico e senza tralasciare alcun minimo dettaglio o riferimento biografico e meta-cinematografico che rendono unica la produzione filmica di questo regista.
Si potrebbe dire tanto di Nolan, cineasta cerebrale come definito da molti, capace di aggiungere ai propri rompicapi narrativi un sostrato emotivo alimentato dal trauma della perdita (un concetto, questo, che l’autore non si stanca mai di sottolineare nel corso delle sue disamine critiche); Zanichelli senza dilungarsi troppo in discorsi prolissi e noiosi, coglie il centro delle pellicole analizzate, segue un fil-ouge volto a ritrovare nei film di Nolan leitmotiv tematici e cifre stilistiche da lui rinvenute e argutamente esposte. Distaccandosi dal cliché ormai abusato del “cineasta freddo e cerebrale” Zanichelli apporta nuova linfa vitale allo studio del cinema di Nolan arricchendolo di spunti di analisi inediti e con cui rapportarsi a opere solo apparentemente complicate come The Prestige (giustamente considerato dal critico come “il capolavoro” di Nolan), Memento o l’ultimo Dunkirk.

Nell’orologio di Nolan le lancette sono sempre due, simboli del doppio e dell’identità speculare; sono lancette pronte a segnare, come sottolineato da Zanichelli, il numero “tre”. Tre sono i punti di vista con cui si racconta la battaglia di Dunkerque, tre sono le fasi della vita dei propri figli seguiti da lontano da Cooper in Interstellar, tre sono i film che compongono la saga del Cavaliere Oscuro.  Ne consegue la formazione di un filo rosso attentamente ritrovato da Zanichelli che lega tutta la filmografia di Nolan e giocato sull’alterazione del tempo lineare e con esso il simbolo rappresentato: l’incombenza della morte. Partendo da questo spunto Zanichelli delinea uno studio accurato, coinvolgente e stimolante attraverso cui lo spettatore sarà portato a riguardarsi ancora l’intera produzione del cineasta anglo-americano forte di nuovi stimoli critici e di osservazione.

Potrebbero piacerti...

Shares