Intervista all’attrice Nicole Blatto

0
118

Abbiamo avuto il piacere di intervistare la giovane attrice Nicole Blatto, co-protagonista del fantasy-horror “The Last Heroes – Gli ultimi eroi” di Roberto D’Antona. Ecco cosa ci ha raccontato!

Buongiorno Nicole. Quando e come nasce la tua passione per il cinema?
Buongiorno a te. Innanzitutto grazie per avermi dato l’occasione di questa chiacchierata. La mia passione per il cinema nasce da bambina. Ho sempre sognato di poter vivere tantissime vite, ed il cinema è il modo migliore in assoluto per farlo. Allo stesso tempo ho sempre amato la sensazione che può regalare un bel film e poter regalare emozioni è un’incredibile possibilità.
La tua prima esperienza davanti alla macchina da presa, correggimi se sbaglio, è stata per la tv, come figurante per la fiction tv “Sacrificio d’amore”. Come andò in quell’occasione?
Capitò davvero per caso: la fiction venne interamente girata a pochi km da casa mia e io venni contattata da uno dei casting director per questa piccola figurazione. Fu divertente, per nulla imbarazzante. Fu grazie a quella parte che ripresi a fare ciò che amo, molto più attivamente di prima. Mi ricordò che non bisogna mai smettere di inseguire i propri sogni.

Il 2017 è stato invece l’anno nel quale hai partecipato a vari spot e video musicali. Ci puoi dire qualcosa a riguardo?
Dopo “Sacrificio d’amore” ripresi a candidarmi ai casting e a cercare di arricchire un po’ il mio CV artistico. Ho avuto diverse esperienze in questi ambiti e posso dire che mi ha sempre divertito essere su un set di un video musicale piuttosto che uno spot, in quanto sono lavori brevi ma intensi, durante i quali ci si ritrova in poche ore a lavorare con team sempre diversi, quindi si collabora sempre con un gran numero di persone e si sa.. tante teste, tante idee. E’ una bellissima occasione! Nel 2017 ho anche preso parte ad una web serie che si intitola “L-EVER” che sta andando avanti tutt’ora con la seconda stagione. Sono una delle attrici principali e tengo molto a precisare che le ragazze che stanno dietro a questa serie sono davvero coraggiose ed in gamba, portano avanti un bel progetto raccontando storie di vita quotidiana del mondo LGBT, per me è stato un modo per riprendere seriamente a mettermi in discussione di fronte ad una macchina da presa.
Sempre il 2017 è stato l’anno della tua prima collaborazione con la “L/D Production Company” di Roberto D’Antona: “Fino all’inferno”. Ce ne puoi parlare?
Devo moltissimo, se non tutto, alla “L/D Production Company” e le parole non sarebbero abbastanza per esprimere quanto io abbia fatto una delle scelte migliori della mia vita quando decisi di partecipare al casting per “Fino all’inferno”. Ricordo che seguivo Roberto, Annamaria e tutta la L/D da tempo e che ero emozionatissima ed anche parecchio spaventata nell’affrontare un casting davanti a persone con la loro esperienza. Per fortuna andò bene e mi diedero un piccolo ruolo che mi permise di conoscere e vivere per la prima volta un vero set cinematografico. Lavorare con loro, anche se per pochi giorni, fu la spinta finale che mi convinse a non mollare; vedere persone così giovani, piene di talento e che lottano ogni giorno raggiungendo obiettivi e risultati incredibili mi fece sentire finalmente al mio posto e capii che avrei sempre dovuto dare il massimo.

L’anno seguente interpreti in “The Last Heroes – Gli ultimi eroi” di Roberto D’Antona il ruolo di Asia, co-protagonista del film. E, a mio parere, dimostri di essere almeno una spanna sopra il livello medio recitativo nelle opere indie horror italiane. Ci racconti di questa tua importante esperienza artistica?
Grazie davvero per queste bellissime parole, per me è un risultato immenso. Interpretare Asia è stata una sfida, sotto molteplici punti di vista. Non appena letto il copione e le direttive date dalla produzione ho capito che per reggere un ruolo così importante avrei dovuto lavorare sodo. Mi sono messa in gioco, rispettando sempre ogni richiesta e cercando di dare il massimo. Ho sfruttato ogni istante di questa esperienza per osservare, imparare ed assorbire tutto ciò che potevo dalle persone che avrebbero lavorato con me e che ritengo davvero molto preparate e talentuose. “The Last Heroes” è stato un film tosto, ma è stato anche il primo film con un ruolo importante e sarà per sempre un pezzo del mio cuore.
Ancora per il buon D’Antona sarai co-protagonista dell’atteso lungometraggio “Caleb”
Questa volta il mio ruolo sarà decisamente diverso, ma non posso dire nulla di più al riguardo. Vi anticipo solo che “Caleb” sarà una vera bomba.
Quali sono i film e i generi che preferisci?
Amo il cinema in generale e non ho un vero e proprio genere preferito. Seguo l’istinto e l’umore ed in base a quello sono più propensa a guardare qualcosa di più o meno comico, drammatico, intricato o spaventoso. Ho diversi film a cui sono legata, per svariati motivi e anch’essi non rientrano in un unico genere.

In particolare: quali sono i tuoi 3 horror preferiti?
I miei 3 horror preferiti sono: “The Others”, “L’evocazione – The Conjuring” e “Silent Hill”, al quale sono legata per diversi motivi.
Quali sono le attrici che apprezzi di più e alle quali magari ti ispiri?
Cerco di trarre ispirazione ed imparare da ogni attrice, ognuna ha particolarità alle quali ispirarsi. Soprattutto in base al ruolo che andrò a ricoprire. Le mie attrici preferite sono Cate Blanchett, Jennifer Lawrence, Amy Adams, Meryl Streep, Anna Magnani, Angelina Jolie e molte molte altre. Insomma, sono davvero troppe…
Vuoi mandare un saluto ai tuoi fan e ai lettori di CineAvatar?
Vorrei salutare e ringraziare di cuore tutti coloro che mi seguono e dire loro di non perdersi tante belle novità in arrivo. E grazie ancora per questa bellissima intervista.